Home | Sport | Ciclismo | Minsk, la nonesa Letizia Paternoster argento nell'Omnium

Minsk, la nonesa Letizia Paternoster argento nell'Omnium

L'Italia chiude la 1ª prova di Coppa con 7 medaglie: 1 oro, 4 argenti e 2 bronzi

image

>
L'ultima giornata di Coppa del Mondo a Minsk regala il record del mondo di Filippo Ganna nell'inseguimento individuale in 4'02"647 che frantuma quello registrato dallo stesso azzurro qualche ora prima: 4'04"252, consegnandolo definitivamente alla storia di questa specialità e lo splendido argento della ventenne trentina Letizia Paternoster nell'omnium olimpico.
Per l'Italia il bottino è ricco: 7 medaglie di cui 1 oro e i record del mondo, 4 argenti e 2 bronzi.
 
Inseguimento Individuale - Fenomeno Ganna: il neo recordista abbassa ulteriormente il crono nella finale per l'oro frantumando quello registrato in qualifica e segnando il nuovo record del mondo in 4'02"647.
Il fenomeno azzurro, tre volte iridato nella specialità (2016, 2018 e 2019), nell'ultima giornata di Coppa del Mondo a Minsk, mette a segno due straordinarie performance a distanza di poche ore una dall'altra, che lo consolidano tra i grandi, nella storia della specialità, del ciclismo azzurro ed internazionale.
 
Dopo essere stato protagonista, nelle prove di qualifica della mattinata, con 4'04"252 ed una media di 58.956 km/h sui 4 km, registrando il nuovo record del mondo (il precedente era dello statunitense Asthon Lambie di 4'05"423, stabilito lo scorso 6 settembre a Cochabamba, in Bolivia), Filippo nella finale per l'oro disputata contro il britannico Archibald, frantuma il suo stesso crono di qualifica e registra il nuovo record del mondo in 4'02"647!
La media in cui Filippo ha corso nella finale è di 59,345 km/h sui 4 km: davvero fenomenale. Un crono che vale anche l'oro in Coppa del Mondo per il campione azzurro già componente fondamentale del quartetto che in questa rassegna ha conquistato il bronzo con un ottimo crono di 3'51".
Argento al britannico Archibald e bronzo allo statunitense Lambie.
 
Omnium Donne - Argento e soddisfazione per Letizia Paternoster. L'azzurra prima del via nella corsa a punti, ultima prova di Coppa, è seconda in classifica (112) a soli 4 punti dal podio, occupato virtualmente dalla statunitense Jennifer Valente (116), che ha poi dominato la prova (oro con 130 p.).
Alle spalle dell'azzurra l'agguerrita Kenny, la britannica terza con 96 punti e una incontenibile danese Dideriksen, quarta a 90 p. Brava Letizia a rispondere agli attacchi delle avversarie e a mantenere salda la sua seconda posizione che le regala l'argento sul finale con 116 punti. Il bronzo è andato alla britannica Laura Kenny (108 p.).
Un ottimo risultato per la giovane azzurra che solo ai recenti campionati europei aveva chiuso 5ª penalizzata dalla caduta nell'eliminazione.
Solo settima la campionessa olandese Wild.Nello specifico Letizia ha registrato la terza piazza nello scratch; seconda nel Tempo Race e nell'eliminazione e undicesima nella corsa a punti.
 
Nel Madison Uomini, la coppia azzurra Simone Consonni ed Elia Viviani, in una corsa dai ritmi elevati fin da subito, ha chiuso nella top ten (settimi con 27 punti), in una gara in cui ha avuto la meglio la coppia danese, campioni europei in carica, che ha vinto l'oro con 52 punti.
Un vero peccato per la coppia azzurra che a tre sprint dalla fine era virtualmente seconda.
Ma il giro conquistato da Danimarca, Francia (argento con 44 p.), Spagna (bronzo con 41 p.) e Belgio, fuori dal podio per un solo punto, ha determinato la corsa.
Più staccata la Wild, sesta con 88 p.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni