Home | Sport | Festival dello sport | Berruti e Tortu: passato e presente dello sprint

Berruti e Tortu: passato e presente dello sprint

Due grandi atleti di lontane generazioni a confronto in Sala Depero per il Festival dell'Economia

Due grandi campioni dell’atletica a confronto in Sala Depero. Livio Berruti è uno dei grandi del passato, medaglia d'oro nei 200 metri alle Olimpiadi di Roma 1960.
Filippo Tortu è la nuova stella azzurra.
È stato il primo italiano a scendere solo alla barriera dei dieci secondi nei 100 metri, ed ha recentemente raggiunto un brillante settimo posto ai Mondiali di Doha.
 
Livio Berruti da piccolo ha cominciato con il tennis.
«Ma non mi dava soddisfazioni. A scuola il mio insegnante mi spinse a provare il salto in lungo e il salto in alto. Poi ho iniziato a correre, vinsi fin dalle prime gare.
«Sui 100 metri ero poco sicuro di me stesso, mi dava fastidio quando facevo falsa partenza. I 200 metri, invece, mi davano la possibilità di partire con più serenità.»
I ricordi di Livio tornano indietro alla gloriosa gara di Roma.
«Nella finale olimpica non feci il riscaldamento, avevo bisogno di recuperare le energie dalla semifinale. Utilizzai le mie vecchie scarpe bianche che tanto mi piacevano, e a fine gara il responsabile dell’Adidas mi redarguì.»



Per il giovane Tortu, Berruti è un grande esempio da seguire.
«Ho iniziato a correre sognando di diventare come lui. Da piccolo guardavo i suoi filmati. Non sarò aggraziato come lo era Livio, ma ho sempre cercato di imitarlo. E come dice lui, lo sport prima di essere un sacrificio deve essere gioia e passione.»
Quando si parla di atletica un pensiero non può che andare a Pietro Mennea. Gli ospiti e il pubblico lo hanno ricordato con passione.
«Un po’ mi rivedo in Mennea – ha affermato il giovane velocista – lo conobbi da piccolo, per me è un grosso punto di riferimento per la mia carriera.»
 
Tortu è stato il primo italiano a scendere sotto il muro dei dieci secondi (9’99’’ l’anno scorso a Madrid), e agli ultimi Mondiali ha portato in finale l’Italia dopo 32 anni.
«Dopo la batteria ero arrabbiato. Non potevo deludere la mia famiglia che era venuta a vedermi.
«Ho trovato mille motivazioni per correre il più veloce possibile, e alla fine ho trovato un bel settimo posto. Peccato non essere andati in finale nella staffetta 4x100, nonostante il nuovo record italiano.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni