Home | Sport | Olimpiadi invernali 2026 | Olimpiadi: Fugatti a Cavalese incontra i sindaci interessati

Olimpiadi: Fugatti a Cavalese incontra i sindaci interessati

Il governatore: «Ad inizio primavera potremo definire la governance territoriale e conoscere l'ammontare del finanziamento»

image

>
Un confronto e uno scambio di idee per fare il punto della situazione sulle Olimpiadi invernali del 2026 quello avvenuto nel pomeriggio a Cavalese, fra il presidente della Provincia Maurizio Fugatti, accompagnato dal dirigente generale Sergio Bettotti, e i sindaci della Val di Fiemme, dove si svolgeranno le gare di sci nordico e di salto con gli sci e dell’Altopiano di Pinè dove sarà protagonista il pattinaggio.
Erano presenti i primi cittadini di Predazzo, Maria Bosin, di Ziano di Fiemme, Fabio Vanzetta, di Panchià, Giuseppe Zorzi, di Varena, Paride Gianmoena, di Daiano, Mattia Zorzi, di Carano, Andrea Varesco, di Castello Molina, Marco Largher, di Valfloriana, Michele Tonina, di Cavalese, Silvano Welponer e di Baselga di Pinè, Ugo Grisenti.
Presenti anche il presidente della comunità di valle e vicesindaco di Tesero, Giovanni Zanon insieme al vicepresidente Michele Malfer.
 
Molti i temi affrontati, a cominciare dalla governance dell’evento che è in fase di costruzione a livello nazionale, anche attraverso un’apposita legge olimpica, che dovrebbe essere approvata a gennaio, nella quale si definirà la gestione degli interventi infrastrutturali che saranno realizzati da un’apposita agenzia che potrà delegare gli enti territoriali.
«Le cose stanno procedendo – ha detto il presidente Fugatti – e nei prossimi mesi tutti i tasselli dovrebbero andare al loro posto, in modo che potremo definire, presumibilmente verso inizio primavera, anche l’organizzazione territoriale.
 
«Sul fronte delle risorse, sulla base dei numerosi incontri avuti con i ministeri competenti – ha aggiunto Fugatti – abbiamo avuto ampie rassicurazioni dal Governo sulla volontà di investire sulle Olimpiadi e i finanziamenti destinati anche al Trentino e all’Alto Adige dovrebbero essere inseriti nella finanziaria nazionale di fine anno.
«Al momento non possiamo sapere quale sarà l’ammontare esatto di tali finanziamenti, che serviranno sia per gli impianti sportivi che per eventuali infrastrutture collegate comunque all'evento olimpico, da realizzare sul territorio.»
 
Per tali ragioni e nel ribadire che, come chiesto espressamente dal Comitato Olimpico, tutte gli interventi dovranno essere nel segno della sostenibilità ambientale, è stato deciso di ritrovarsi all'inizio del 2020, quando sia il quadro di governance che quello relativo alle risorse sarà meglio definito, per una riunione tecnica che possa servire ad individuare nel dettaglio quali interventi mettere in cantiere sul fronte infrastrutturale.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni