Home | Sport | Sport in Trentino | Assegnati i titoli mondiali 4X della Val di Sole

Assegnati i titoli mondiali 4X della Val di Sole

Oro alla ceca Romana Labounkova e al francese Quentin Derbier

image

>
Sono Romana Labounkova e Quentin Derbier i Campioni del Mondo UCI 2018 nella specialità Four Cross. Hanno rispettivamente vinto le competizioni iridate femminile e maschile corse venerdì sera su una pista resa ancora più spettacolare e sfidante dai tracciatori della Val di Sole.
Purtroppo Giovanni Pozzoni, bronzo l'anno scorso, non è riuscito a ripetersi, uscendo ai quarti di finale (15° assoluto), così come i connazionali Giacomo Fantoni e Roberto Cristofoli (rispettivamente 10° e 12°).
 
La competizione femminile è stata più concentrata rispetto a quella maschile, partendo direttamente dalle semifinali con sole otto atlete in gara. In finale sono arrivate tutte le favorite della vigilia, con una competizione scontata.
Infatti la ceca Labounkova, dopo il secondo posto del 2017 dietro alla quattro volte iridata Caroline Buchanan assente quest’anno, ha avuto vita facile sulla britannica Natasha Bradley e sulla tedesca Raphaela Richter, rispettivamente seconda e terza.
Per Romana Labounkovasi tratta della terza medaglia conquistata nel 4X, dopo il bronzo del 2008 (in Val di Sole) e l’argento del 2012.
 

 
La competizione maschile è invece stata più lunga e appassionante, anche per le cadute e gli errori che hanno penalizzato alcuni dei favoriti per il podio.
I nostri portacolori Pozzoni, Fantoni (partiti nella stessa manche) e Cristofoli non hanno avuto problemi agli ottavi di finali, con il solo Stefano Dolfin non qualificatosi per i quarti, che hanno riservato alcune sorprese.
Infatti questo round ha visto l’uscita del forte specialista austriaco Hannes Slavik (quarto di fuoco con Beaumont e il quasi omonimo ceco Tomas) e del neozelandese Keegan Wright.
 
Le sorprese sono continuate nelle due semifinali con la mancata qualificazione del campione del mondo in carica, dello svedese Felix Beckeman e del britannico Scott Beaumont, uno dei più longevi e forti interpreti della disciplina.
La finale si è giocata tra Tomas Slavik, il britannico Elliott Heap, Quentin Derbier e la sorpresa ceca Mikulas Nevrkla. Sembrava che finalmente il primo riuscisse a fare sua l’agognata medaglia d’oro ma un’incertezza sulle gobbe all’uscita del rock garden ricompattava il gruppo con i due atleti della Repubblica Ceca e il francese a giocarsi la vittoria finale.
Alla fine Derbier ha tagliato per primo il traguardo davanti ai due connazionali Slavik e Nevrkla, più staccato Heap.
 
Alle finali 4X femminile e maschile hanno assistito numerosi spettatori lungo lo spettacolare tracciato di Daolasa, perfettamente illuminato per le gare in notturna.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone