Home | Sport | Sport in Trentino | Sabato 29 giugno Forte Corno tornerà protagonista

Sabato 29 giugno Forte Corno tornerà protagonista

Sarà ancora Alberto Vender l’uomo da battere nella Forte Corno Run 2019


I tre protagonisti Paolo Penner, Alberto Vender e Davide Danesi.
 
L'attesa per la seconda edizione della Forte Corno Run è ormai agli sgoccioli: sabato prossimo 29 giugno il Forte Corno - già baluardo difensivo dell'esercito austroungarico - tornerà protagonista della prova di corsa in montagna che ha debuttato dodici mesi fa per l'iniziativa di cinque giovani appassionati del posto.
Lino Galliani, Norman Corradi, Alice Rossi e i fratelli Dino e Marco Filosi - quest'ultimo già campione italiano di corsa in montagna - hanno voluto proporre sotto forma di gara quello che inizialmente era un percorso di allenamento.
E la risposta è stata subito eccellente: 100 iscritti nell'edizione 2018 - una sorta di esperimento - mentre oggi si viaggia verso i 150, limite previsto per questa seconda annata di manifestazione.
Confermata la presenza del forte atleta locale Alberto Vender (Atletica Valchiese), vincitore l'anno scorso e quest'anno tra i principali protagonisti del movimento nazionale della corsa in montagna: sarà lui, allievo di Ennio Colò, l'uomo da battere domenica 30 giugno.
Nella prima edizione della gara vinse solitario con oltre un minuto di vantaggio su Paolo Penner, runner della Valle di Ledro.
Terzo Davide Danesi. Al femminile la gara fu vinta dalla giudicariese Cinzia Franchini davanti a Chiara Doninelli e Sara Fiorini.
 
«Le iscrizioni sono aperte fino a lunedì sera [tutte le info anche su www.wedosport.net – NdR] – commenta Lino Galliani – ma i pettorali a disposizione sono solo una manciata e credo che andranno esauriti: se possiamo riproporci anche quest'anno, possiamo e dobbiamo ringraziare la Pro Loco di Praso, il Comune di Valdaone e tutti i volontari che ci sostengono.»
Tracciata interamente nel territorio comunale di Valdaone, la Forte Corno Run avrà il proprio quartier generale nella frazione di Praso (Piazza San Pietro, 800 metri slm), partenza ed arrivo del circuito di 8 chilometri (400 i metri di dislivello positivo) disegnato sulla destra orografica del fiume Chiese, versante dominato proprio dal Forte Corno.
Il percorso prettamente sterrato proporrà dapprima l’ascesa per raggiungere Forte Corno (1.069m slm) e poco dopo la quota massima di giornata (1.129m slm) in località Peschera, cui seguirà il sentiero della Bastia e la discesa verso la frazione di Sevror con l’ultima breve asperità che permetterà di raggiungere nuovamente Praso.
 
 FORTE CORNO 
Disteso su uno sperone di roccia a 1.068 metri di quota ed eretto tra il 1883 ed il 1890, Forte Corno domina dalla destra orografica lo sviluppo della Valle del Chiese e rappresenta uno dei cinque capisaldi di quello che era stato battezzato come Sbarramento di Lardaro, struttura difensiva che sorvegliava l’accesso nell’Impero asburgico lungo l’asta del Chiese.
La struttura architettonica è di grande pregio e forte impatto, con le sue cinquantaquattro stanze e le sue cupole in acciaio corazzato girevoli che ospitavano le postazioni di artiglieria, secondo i criteri propri dello stile Vogl.
Nel dopoguerraForte Corno venne smantellato e privato delle protezioni metalliche finché nel 1997 l’amministrazione comunale non investì in un ricco programma di recupero che ha portato anche alla creazione di un sentiero di collegamento con il vicino Forte Larino (nel Comune di Sella Giudicarie), a sua volta componente lo Sbarramento di Lardaro.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni