Home | Sport | Sport in Trentino | Rugby, in mille per il torneo «Touch» a Pergine

Rugby, in mille per il torneo «Touch» a Pergine

Coach Conor O'Shea: «Giornata fantastica abbiamo apprezzato l'efficienza trentina»

image

Rugby Touch Pergine.

Il torneo l'ha vinto il Centro di Formazione Permanente under 18 di Milano, la giornata di festa l'hanno vinta tutti.
Tutti gli oltre mille tra appassionati di ogni età, atleti, accompagnatori e curiosi che si sono ritrovati sabato scorso a Pergine per partecipare al Cattolica «Tocco di Azzurro», il torneo rugby al tocco organizzato dagli atleti della Nazionale Italiana Rugby, impegnati anche nel ruolo di allenatori delle trentadue squadre iscritte.
Innumerevoli le partite andate in scena cui hanno partecipato anche alcune rappresentative trentine come la Benacense allenata da Jake Polledri, il Trento seguito da Edoardo Padovani, l'Oltrefersina con coach Giulio Bisegni, mentre la Rotaliana ha avuto il supporto di Braam Steyn.
 

 
Chi non ha giocato, ha potuto respirare l'aria di festa, passeggiare per il campo e, come hanno fatto tanti giovanissimi, a caccia di foto e autografi con i loro beniamini.
D'altra parte non capita spesso (anzi, si può dire mai) di passare un pomeriggio giocando a fianco degli atleti che si vedono solo in tv.
Dopo averli a lungo incoraggiati dal divano, sabato scorso al campo di Pergine si è potuto incontrare gli eroi della nazionale, parlarci, scherzarci assieme e ottenere pure qualche dritta su come muoversi in campo.
Manna dal cielo per tutti i giovani rugbisti e tifosi, ma, sorprendentemente, anche per i professionisti come ha spiegato il capitano Sergio Parisse.
 

Oltrefersina.

«Una bellissima giornata anche per noi – ha detto Sergio Parisse, – non capita quasi mai di vivere un momento del genere e divertirsi con tanti ragazzi, famiglie e tifosi che non hanno la possibilità di essere vicino alla squadra in altre occasioni.
«Una bella opportunità per tutti, si è vissuto quello che poi è il vero rugby in un luogo dove abbiamo respirato aria pulita e dove campo, palestra e hotel erano molto vicini tra loro: le condizioni perfette per allenarsi e preparare il mondiale.»
 

O'Shea.

Curiosità anche per la formazione allestita dallo staff tecnico di Italrugby con il coach Conor O'shea in campo che ha espresso soddisfazione anche per la location del ritiro e per il lavoro dei volontari.
«Tanti giovani, tante famiglie, una bella giornata dopo una lunga e dura settimana, anche per i ragazzi era importante staccare la spina. Siamo stati in un posto meraviglioso, è un peccato che il tempo sia trascorso così in fretta e avere soltanto un altro raduno prima del mondiale qua.
«Tutto è stato perfetto non solo il campo, i ragazzi hanno visto anche il lago, fatto un giro in mountain bike e nelle montagne vicine, la gente ci ha fatto sentire il suo calore e affetto e persino l'efficienza trentina.
«Domenica 7, quando siamo arrivati, ero preoccupato perché si è scatenata una tempesta e pensavo di non poter utilizzare la palestra nella tensostruttura allestita al campo.
«Invece, in pochissime ore gli addetti hanno fatto un grande lavoro e lunedì mattina era tutto perfetto, come la pioggia non ci fosse stata.»
 

Rotaliana.

Come detto, il torneo l'ha vinto il Centro di Formazione Permanente Under 18 di Milano, che ha sconfitto per 3 mete a una il Colorno.
Al termine del torneo, il capitano della nazionale Sergio Parisse ha consegnato le maglie autografate dall’Italia e dieci biglietti per il Cattolica Test Match Italia-Russia del prossimo 17 agosto ai componenti della squadra vincitrice, una maglia per la Club House alla seconda classificata e dieci cappellini ai Tacchini in Fuga, vincitori del Plate.
Ma sabato il risultato non aveva importanza, l'obiettivo principale era regalare e regalarsi un pomeriggio insieme e offrire ai più giovani tra gli appassionati una giornata di festa. Senza dubbio da ricordare.
 

Nazionale.

La nazionale di rugby tornerà a Pergine per il quarto e ultimo periodo di allenamenti domenica 21 e rimarrà fino a giovedì 25, poi via ai test match: sabato 10 agosto a Dublino contro l'Irlanda, sabato 17 a San Benedetto del Tronto contro la Russia, sabato 30 contro la Francia a Parigi e venerdì 7 settembre a New Castle ultima partita contro l'Inghilterra prima del trasferimento in Giappone dove il 22 settembre l'Italia esordirà nella Rugby World Cup contro la Namibia.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone