Home | Sport | Sport in Trentino | Trento, Giro al Sas: la rivincita di Telahun; Neka Crippa 6°

Trento, Giro al Sas: la rivincita di Telahun; Neka Crippa 6°

Telahun Haile Bekele sorprende il campione del mondo Muktar Edris sui 10 km del Giro al Sas – Ottimo 6° Neka Crippa, fratello di Yeman impegnato ai mondiali di Doha

image

>
C’era aria di rivincita nella sfida tutta etiope tra il doppio campione del mondo dei 5.000 metri Muktar Edris ed il più giovane connazionale Telahun Haile Bekele quarto sempre nei 5.000 pochi giorni fa ai mondiali di Doha.
Nel 2017 sulle strade del Giro Al Sas a Trento aveva trionfato Edris e secondo era stato Telahun Haile, quest’oggi invece nella 73esima edizione finalmente è arrivato il momento del successo per Haile che scrive così il suo nome ne prestigioso albo d’oro di questa storica competizione.
Haile ha voluto fortemente questo successo dopo la delusione di Doha e ha vinto in 28’09”, uno dei migliori tempi di sempre, sulla media dei 2’50 al chilometro, ritmo non certo facile sugli sconnessi sampietrini e le tante curve nei dieci giri nel centro di Trento.
 
Il pubblico del Giro al Sas in piazza Duomo è quello delle grandi occasioni, la serata è perfetta senza vento e con temperatura gradevole, la grande prestazione è più che fattibile.
Haile sta sempre in testa, per poi staccare Muktar Edris, che qui al Giro ha già vinto tre volte, verso il quinto giro per poi dare l’affondo decisivo allungando il distacco a tre giri dalla fine.
Forse temeva la volata di Edris nel finale, forse Edris non era così brillante come in altre occasioni, fatto sta che ha Haile ha preso il largo e ha dato spettacolo con una corsa leggera, tutta in spinta su piedi straordinari.
 
Per Muktar Edris c’è così spazio solo per la seconda posizione in 28’32 e per il Memorial Fabio Giacomelli (traguardo volante al 5° giro), mentre completa il podio per una tripletta tutta etiope il giovanissimo 17enne Worku Tadese con 28’38”.
A tenere alta la bandiera italiana è Nekaneget Crippa che si dimostra in forma straordinaria concludendo al sesto posto in 28’49”, l’anno scorso per esempio aveva concluso decimo in 29’59”. Crippa, primo italiano al traguardo, si è aggiudicato il Memorial Cosimo Caliandro.
«È sempre fantastico venire a Trento – fa sapere nel parterre d’arrivo il vincitore Telahun – due anni fa fui secondo, volevo fare bene e ci sono riuscito. Sono tanto deluso da Doha, la mia stagione in pista finisce qui.
«Ora mi concentrerò sulle gare indoor, sui cross e poi la testa e le energie saranno tutte per le Olimpiadi di Tokyo 2020.»
 
Anche Crippa sorride.
«Sì, sono molto soddisfatto. Ora farò gli italiani di mezza maratona Voglio fare un in bocca al lupo a mio fratello Yeman che domenica sera sarà impegnato nei 10.000metri ai mondiali di Doha.
«Era un po’ deluso dai 5.000 metri, ma ora è carico e ha tanta voglia di riscattarsi.»
Giro al Sas che ha dato spettacolo per tutto il pomeriggio con le gare Csi per le gare degli amatori e di centinaia di ragazzi e ragazze prima del Giro al Sas Kids che ha regalato sorrisi e tanta gioia a bambini di ogni età.
Stamattina seconda giornata del Trento Running Festival con la Trento Half Marathon con migliaia di persone al via.
 
Link ai Risultati.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni