Home | Sport | Sport invernali | La Coppa Europa torna a Folgaria

La Coppa Europa torna a Folgaria

Il 22 e 23 gennaio si svolgerà il doppio gigante maschile

image

>
La Coppa Europa di sci alpino ha preso fissa dimora sulle nevi dell’Alpe Cimbra, che venerdì 22 e sabato 23 gennaio saranno teatro di una doppia gara maschile di slalom gigante.
Il circuito continentale farà tappa sulle nevi della skiarea trentina per la quinta volta e darà ideale seguito all’esperienza degli ultimi anni, quando Folgaria venne scelta per il recupero di gare inizialmente in programma in altre località.
Lo scorso anno a Fondo Grande vennero disputate due gare femminili tra le porte larghe ed entrambe furono vinte dalla norvegese Mina Fuerst Holtmann, atleta della squadra norvegese di Coppa del Mondo.
 
Questa volta toccherà ai maschi confrontarsi sul pendio della Salizzona, che da alcuni anni ospita durante l’inverno anche gli allenamenti della nazionale americana, oltre alle sessioni di training di altre squadre europee.
La campionessa Lindsey Vonn scelse proprio l’Alpe Cimbra per preparare la sua ultima Olimpiade e, più recentemente, si è potuta allenare sulle piste di Fondo Grande anche la regina del Circo Bianco Mikaela Shiffrin.
Un dato che la dice lunga sulla vocazione agonistica della Skiarea Alpe Cimbra, che a fine gennaio sarà teatro anche di una nuova edizione dell’AlpeCimbra Fis Children Cup, il “mondialino” giovanile che richiama ogni anno a Folgaria le migliori promesse dello sci internazionale.
 
Prima, però, ci sarà una nuova due giorni continentale, con altrettante gare di slalom gigante. Le date da segnare sul calendario sono quelle di venerdì 22 e sabato 23 gennaio, con l’organizzazione affidata alla Polisportiva Alpe Cimbra, con il supporto della società impianti Folgaria Ski e dell’Apt Alpe Cimbra.
Sarà l’occasione per vedere all’opera tanti big dello sci mondiale, tra atleti di Coppa del Mondo in cerca di rilancio o di conferme e giovani a caccia di risultati per conquistarsi il massimo circuito internazionale.
Nel 2018 a Folgaria si imposero l'austriaco Stefan Brennsteiner e lo svizzero Marco Odermatt che qualche giorno dopo centrò ben 5 medaglie d'oro ai campionati mondiali junior di Davos e pochi giorni fa ha nuovamente centrato il podio in Coppa del Mondo.
E nella gara di Folgaria di quattro anni fa salì sul podio anche il trentino Andrea Ballerin.
 
Dopo le prime tre gare tra le porte larghe, a vestire il pettorale di leader della classifica di Coppa Europa di gigante è un azzurro, Alex Hofer.
Il 26enne di Castelrotto ha conquistato un terzo e un quinto posto nella doppia gara disputata a Gurgl (Austria) e il mese scorso si è classificato secondo nella prova andata in scena a Zinal (Svizzera), dove si è imposto il francese Cyprien Sarazzin.
Hofer guida la graduatoria di gigante con 185 punti, seguito dall’austriaco Raphael Haaser con 180 e dal tedesco Julian Ruchfuss con 115, vincitori delle due prove andate in scena a Gurgl.
Quarto è un altro italiano, il giovane emergente Giovanni Franzoni (107 punti).
La classifica generale, invece, è attualmente comandata all’austriaco Raphael Haaser (336 punti), davanti al connazionale Maximilian Lahnsteiner (286) e all’azzurro Giovanni Franzoni, terzo con 245 punti.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni