Home | Sport | Sport invernali | A Pokljuka, in Slovenia, per l'Italia è subito podio

A Pokljuka, in Slovenia, per l'Italia è subito podio

La staffetta mista del biathlon finisce terza come a Pyeongchang

La staffetta mista del biathlon sale sul podio nella tappa inaugurale della Coppa del mondo: finiamo terzi, come all'Olimpiade di PyeongChang.
A Pokljuka, in Slovenia, Lisa Vittozzi, Dorothea Wierer, Dominik Windisch e Lukas Hofer si arrendono soltanto alla Francia e alla sorprendente Svizzera, riuscendo a confermarsi tra i grandi anche grazie alla super rimonta di Hofer nell'ultima frazione della specialità dove gli azzurri sono detentori della sfera di cristallo.
Con questo terzo posto salgono a sette i podi complessivamente raggiunti dall'Italia nella disciplina.
 
L'avvio di gara azzurro è straordinario: Lisa Vittozzi fa percorso netto con zero errori al tiro e dà il cambio in terza posizione subito dietro la finlandese Mari Eder e la francese Anais Bescond.
Il terzetto al comando si scioglie poco dopo perché Dorothea Wierer, così come Justine Braisaz, paga dazio alla potenza di Kaisa Makarainen.
L'altoatesina al primo poligono sbaglia due volte, subisce anche la rimonta della svizzera Lena Haecki, ma al secondo poligono, in piedi, è perfetta, con tempi di rilascio formidabili, così rosicchia qualcosa anche alla Makarainen e stacca le altre concorrenti toccando da seconda la schiena di Dominik Windisch a 29"4 dalla Finlandia.
 
L'eroe di PyeongChang, dove fu bronzo anche nell'individuale, ha la sfortuna di gareggiare nella stessa frazione con Martin Fourcade, ma all'arrivo al primo poligono riesce a restare attaccato al campione francese.
Nella posizione a terra, però, arrivano i tre errori che lo costringono a un giro di penalità, col conseguente sorpasso anche dello svizzero Benjamin Weger, mentre altri due errori nella posizione in piedi favoriscono anche il sorpasso del russo Dmitry Malyshko.
 
Quando parte Lukas Hofer, l'Italia è quinta, a 28 secondi dalla Finlandia, scivolata in terza posizione, e 22 dalla Russia.
Ma il 29enne atleta dei Carabinieri parte subito all'attacco e si avvia alla rimonta, prima recuperando terreno sugli sci, come al suo solito, poi con lo zero al tiro, al punto che dopo il primo poligono è già terzo, con un bel margine sugli immediati inseguitori che mantiene anche dopo il secondo poligono, con un solo ininfluente errore.
E per gli azzurri è già festa.
 
 Ordine d'arrivo staffetta mista Cdm Pokljuka (Slo) 
1. FRANCIA (Bescond/Braisaz/Fourcade/Desthieux) (0+5) 1:10:02.8
2. SVIZZERA (Gasparin/Haecki/Weger/Finello) (0+9) +38.7
3. ITALIA (Vittozzi/Wierer/Windisch/Hofer) (1+8) +52.1
4. RUSSIA (0+6) +1:17.3
5. FINLANDIA (1+11) +1:30.9
6. NORVEGIA (0+7) +1:51.1
7. GERMANIA (2+11) +2:03.9
8. SVEZIA (1+11) +2:15.4
9. UCRAINA (0+5)  +2:21.0
10. CANADA (0+2) +2:33.2

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone