Home | Sport | Sport invernali | Apertura d'argento per i Mondiali di sci alpino paralimpico

Apertura d'argento per i Mondiali di sci alpino paralimpico

I trentini Giacomo Bertagnolli - Fabrizio Casal secondi nel gigante a Kranjska Gora

image

Credits: Michele Bertagnolli.
 
Pronti via ed è subito argento. Giacomo Bertagnolli e la sua guida Fabrizio Casal ormai ci hanno abituato bene: dopo le tre medaglie iridate di Tarvisio 2017 e le quattro alla Paralimpiade di PyeongChang 2018, i due trentini partono col botto anche ai Mondiali 2019 che si dipaneranno in queste due settimane tra le nevi slovene di Kranjska Gora e quelle italiane di Sella Nevea.
 
Sulle nevi di Kranjska Gora, Jack e Fabri si sono piazzati secondi in gigante, gara inaugurale della rassegna ed in cui due anni fa erano già stati vicecampioni mondiali, prima di laurearsi campioni paralimpici ai Giochi di PyeongChang dello scorso anno. 
 
I due sciatori trentini, primi dopo la prima manche, si sono dovuti inchinare (2’08”58) solamente a allo slovacco Marek Kubacka (2’03”06), fenomenale atleta cieco che si affida totalmente ai comandi della guida Maria Zatovicova e che oggi è stato capace di risalire dalla quarta alla prima posizione con una seconda manche da applausi.
Terzo il tandem austriaco composto da Josef Lahner e la sua guida Franz Erharter (2’10”01).
 

 
Così ha commentato Bertagnolli l'argento in gigante, quarta medaglia in carriera ai Mondiali assieme a Casal.
«Sono contento della mia prestazione. La prima manche l’abbiamo fatta benissimo. Nella seconda ci è scappato qualche piccolo errorino, ma abbiamo sciato comunque bene.
«Tanto di cappello a Kubacka che è sceso in maniera straordinaria, il secondo posto per noi va più che bene: nelle prossime gare cercheremo di fare ancora meglio.»
 
Non è bastato per il podio, ma ha fatto emozionare tutto il clan azzurro anche la sensazionale prova di René De Silvestro tra i Sitting, Il ventiduenne veneto cresciuto nello Sci Club Drusciè ha battagliato coi migliori per due manche, piazzandosi quarto e subito a ridosso del podio (2’15”59) nella gara vinta dall'olandese Jeroen Kampschreur (2’10”55).
 
Diciannovesimo Manuel Michieletto all’esordio in carriera in una rassegna iridata.
Stessa posizione di classifica per Davide Bendotti in standing (2’22”10), mentre l'oro va al collo del francese Arthur Bauchet (2:04.80).
«Ancora un grande risultato per la coppia Bertagnolli-Casal. Splendido argento nel Gigante, al Mondiale di KranjskaGora 2019. A
pplausi anche per Renè De Silvestro, quarto dopo una gara maiuscola. Siamo orgogliosi di questi ragazzi seri e talentuosi.
Rappresentano il presente e futuro di questo movimento»: è quanto ha dichiarato Luca Pancalli, Presidente del Comitato Italiano Paralimpico.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone