Home | Sport | Sport invernali | Prima edizione de «La Venosta» a Vallelunga

Prima edizione de «La Venosta» a Vallelunga

Cannoni in azione in vista dei contest Visma Ski Classics del 14 e 15 dicembre

Let it snow! I cannoni sono già entrati in funzione in vista dei prestigiosi appuntamenti de «La Venosta» - il 14 e 15 dicembre a Vallelunga in Alto Adige - e ora si può cominciare a sognare, non prima però… di essersi assicurati un pettorale!
Un’occasione unica per far parte della prima edizione di un evento che in breve tempo è stato capace di conquistare numerosi seguaci, entrando direttamente dalla porta principale di Visma Ski Classics, il circuito delle lunghe distanze più importante ed innovativo a livello internazionale.
Gli élite si contenderanno una 40 km, gli amatori una 30 km nella prima giornata in classico, nella seconda medesimo tracciato ma sui 30 km e in skating, provando ad acquisire punti «challengers» valevoli (nonostante la sfida sia tecnica libera) sempre per Visma Ski Classics.
 
E non è finita qui, perché il comitato organizzatore presieduto da Gerald Burger ha pensato inoltre alla comunità locale, chiamando a raccolta tutte le età per abbracciare questo scoppiettate esordio.
Domenica 15 dicembre ci sarà così anche la prima del circuito Banca Popolare con 200 atleti dai 6 anni in su a gustarsi il proprio mini-tracciato di 500 metri per i più piccoli e 5 km da affrontare per i più esperti. 
 
L’intento è quello di portare gente del luogo ad assistere agli eventi, saggiando la disciplina e avvicinando i più piccoli al mondo dei professionisti Visma Ski Classics, che hanno già l’acquolina in bocca in vista de «La Venosta» come si apprende dalle parole di due sicure protagoniste, Lina Korsgren: «Credo sarà divertente, penso di aver gareggiato in zona quando ero appena maggiorenne negli Junior Championship. L’Italia è sempre bellissima e il periodo pre-natalizio è uno spettacolo», e Astrid Øyre Slind: «Non vedo l’ora di partecipare, ho visitato la zona in estate ma mai in inverno. Il percorso sarà interessante anche perché ad una certa altitudine è sempre difficile».

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni