Home | Sport | Sport su Ghiaccio | Figura, World Team Trophy: Guignard-Fabbri trascinano l'Italia

Figura, World Team Trophy: Guignard-Fabbri trascinano l'Italia

In Giappone, al termine della prima giornata, il team tricolore è sesto con 24 punti. Bene soprattutto la coppia della danza, quarta nella rhythm dance


Charlène Guignard, 29 anni, e Marco Fabbri, 31 - Credit: Diego Barbieri.
 
Grande atmosfera e Italia da battaglia nella prima giornata del World Team Trophy 2019. La Nazionale azzurra, dopo le prime tre sessioni di gara della durissima competizione sul ghiaccio giapponese, viaggia al sesto posto in classifica con 24 punti complessivi.
Un buon bilancio, solido grazie all'ottima prova di Charlène Guignard e Marco Fabbri nella danza e poi ritoccato dalle performance dei singoli maschile e femminile.
Un risultato destinato certamente a migliorare ancora domani nella seconda giornata di gare con l'esordio di Della Monica-Guarise (Fiamme Oro), unici pattinatori azzurri non ancora scesi in pista come previsto dal programma.
 Al momento Canada e Francia, rispettivamente quinto con 26 punti e quarta con 27, sono lì alla portata del team tricolore.

Splendida, come detto, la performance offerta da Guignard-Fabbri, i primi atleti tricolori sul ghiaccio con la loro rhythm dance.
La coppia delle Fiamme Azzurre allenata da Barbara Fusar Poli si è infatti piazzata al quarto posto regalando 9 preziosi punti all'Italia.
Nella gara dominata dai francesi Papadakis-Cizeron, per il tandem campione nazionale della danza è arrivato un primo segmento da 80.25 (44.25 di valutazione tecnica, 36.00 per le components), a meno di un punto e mezzo dal personal best fatto registrare ai recenti Mondiali di Saitama.
Prova eccellente per Charlène e Marco che torneranno in pista domani per chiudere questa loro stagione da standing ovation.
E dopo la danza è stato il turno delle donne: qui a stupire, in particolare, è stata Marina Piredda (Fiemme On Ice).
La sedicenne trentina ha infatti alzato di nuovo (e di parecchio) il personal best chiudendo il corto con 60.33 (34.13 di valutazione tecnica e 26.20 per le components), un grandissimo punteggio che le è valso la nona posizione e quattro punti per l'Italia.
Un punto invece quello guadagnato da Roberta Rodeghiero (Aeronautica Militare), dodicesima con 48.45 punti (23.27 di valutazione tecnica e 25.18 per le components).
 
A chiudere la giornata la gara maschile con impegnati i due giovani talenti azzurri Matteo Rizzo (Fiamme Azzurre) e Daniel Grassl (Young Goose Academy).
Il primo ha realizzato un solidissimo corto da 87.64 punti (46.24 di valutazione tecnica e 41.40 per le components) che è valso la sesta posizione, il secondo invece ha chiuso decimo con 79.68 punti (42.50 di valutazione tecnica e 37.18 per le components).
Dieci punti complessivi - rispettivamente 7 e 3 - a rinforzare il bacino italiano nella prima giornata. Domani, oltre a Della-Monica-Guarise, in pista ancora la danza e gli uomini per uno spettacolo davvero da non perdere.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone