Home | Sport | Sport su Ghiaccio | Figura Cup of China: Matteo Rizzo terzo dopo il corto

Figura Cup of China: Matteo Rizzo terzo dopo il corto

A Chongquing, nella quarta tappa di ISU Grand Prix, il talento delle Fiamme Azzurre è sul podio virtuale a metà gara con un corto da 81.72 punti

Un'Italia che vale il podio quella vista oggi di scena alla Cup of China, quarta tappa stagionale del circuito di ISU Grand Prix 2019-2020.
Nella prima giornata sul ghiaccio cinese dell’Huaxi Culture and Sports Center di Chongquing, Matteo Rizzo tra gli uomini e Nicole Della Monica-Matteo Guarise tra le coppie di artistico si confermano pattinatori di altissimo livello in un palcoscenico importante come quello del circuito internazionale.
Reduce dal sesto posto di Skate Canada, Rizzo conquista a metà gara terzo posto provvisorio dopo il corto alle spalle dei due cinesi Yan, primo con 86.46 punti, e Jin, secondo con 85.43.
Il talento 21enne delle Fiamme Azzurre li insegue con un punteggio di 81.72 (42.54 di valutazione tecnica, 40.18 per le components; -1 di deduzione): per lui un quadruplo toeloop e un triplo axel ottimamente eseguiti prima della caduta sul triplo lutz che ha vanificato la possibilità della combinazione con il triplo toeloop.
 
Qualche rammarico dunque ma pure la consapevolezza di una prova solida, assai più convincente di quella vista nella prima uscita di Skate Canada.
Nel libero, per Matteo, la possibilità concreta di centrare un podio che bisserebbe il terzo posto dello scorso anno all'Nhk Trophy.
Nicole Della Monica e Matteo Guarise (Fiamme Oro), gli altri italiani impegnati sul ghiaccio cinese, viaggiano invece in quarta posizione tra le coppie di artistico a metà gara con 64.24 punti (34.67 di valutazione tecnica, 31.57 per le components; -2 di deduzione).
Per il tandem campione nazionale un corto penalizzato da una caduta ma che ha soprattutto rivelato una prova di carattere in seguito all'infortunio subito alla spalla da Nicole.
Della Monica-Guarise erano tornati sul ghiaccio soltanto lo scorso week-end in occasione dell'Icelab International Cup 2019 ma il percorso per recuperare lo smalto migliore è tracciato.
Già domani, in ogni caso, un'altra chance nel libero, magari per provare l'assalto a un podio comunque possibile, distante poco più di quattro punti con i cinesi Peng-Jin a 68.50.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni