Home | Sport | Sport su Ghiaccio | Pista lunga, a Minsk inizia la stagione di Coppa del mondo

Pista lunga, a Minsk inizia la stagione di Coppa del mondo

Venerdì in Bielorussia parte il primo appuntamento del circuito internazionale con l'Italia del D.t. Marchetto in prima fila – Fari puntati su Lollobrigida e Giovannini


Francesca Lollobrigida, 28 anni - Credit: Photo Elvis.
 
Si parte! Scatta domani a Minsk, in Bielorussia, la prima tappa stagionale di Coppa del Mondo di pista lunga con la Nazionale italiana del D.t. Maurizio Marchetto pronta a giocare le proprie carte nell'appuntamento d'esordio di questa annata. Otto gli atleti convocati per questo week-end di gare: Francesca Lollobrigida (Aeronautica Militare), Noemi Bonazza (Fiamme Oro), Andrea Giovannini (Fiamme Gialle), Davide Ghiotto (Fiamme Gialle), Nicola Tumolero (Fiamme Oro), Michele Malfatti (S.C. Pergine), Mirko Giacomo Nenzi (Fiamme Gialle) e Alessio Trentini (V.G. Pergine).
L'Italia punta forte sulle Mass Start e cerca buoni riscontri anche dalle lunghe distanze al termine di una intensa preparazione chiamata ora a dare i suoi frutti. 
 
Lollobrigida e Giovannini rappresentano le punte di diamante di una squadra che presenta altre buone individualità e intenzionata a crescere nel corso della stagione. Lollobrigida, oltre alla Mass Start - la specialità che preferisce, - si cimenterà sui 1.500 e sui 3.000, lei che lo scorso anno ha dato prova di riuscire ad essere altamente competitiva anche nelle gare classiche.
Stesse distanze anche per Bonazza, unica atleta femminile della squadra tricolore oltre alla romana.
Al maschile il secondo uomo a gareggiare nella Mass Start dopo Giovannini sarà Malfatti, nel ruolo di spalla che Marchetto sta cercando di cucirgli addosso.
Poi molta attenzione ai 5.000 metri con il bronzo olimpico di Pyeongchang Nicola Tumolero, il primatista italiano sui 10.000 Davide Ghiotto e ancora Malfatti e Giovannini tutti ai nastri di partenza.
Nenzi gareggerà poi sui 500 mentre Trentini completerà il quadro prendendo il via sui 1.000 e i 1.500.
 
«È un'annata particolare che porta con se tanti temi, – le parole del D.t. azzurro Marchetto. – Non possiamo aspettarci troppo da Tumolero che rientra da un lungo infortunio e che per riprendere le posizioni di testa e il ritmo che aveva necessiterà inevitabilmente di tempo.
«Malfatti è in crescita e voglio provarlo nella Mass Start dove puntiamo molto su Giovannini. Certo, questa è una competizione in cui la concorrenza si infoltisce ogni anno e sarà dunque difficile mantenere una competitività sempre altissima.
«Bonazza e Lollobrigida si sono allenate non sempre in raduno con la squadra e potrò dunque capire solo dopo questo week-end il valore dei buoni riscontri messi in mostra nelle prime uscite stagionali.
«Ghiotto è uno specialista dei 10.000 ma ci aspettiamo possa far bene anche sui 5.000; abbiamo poi deciso di mandare Betti questo fine settimana a gareggiare con Junior e NeoSenior in modo che possa fare rodaggio e tornare poi con i Senior dalla prossima tappa in Polonia.»
 
Questo il programma di gare dove, a partire da domani, saranno visualizzabili anche entries e risultati.
L'orario indicato è quello locale di Minsk, due ore avanti rispetto all'Italia.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni