Home | Sport | Sport Trentino | Yeman Crippa, ottimo esordio a Cles: 3:39.70

Yeman Crippa, ottimo esordio a Cles: 3:39.70

Nei 1.500 l’azzurro corre un tempo in linea con l’obiettivo della vigilia: «Sensazioni buone, a Rovereto il 5 proverò un passaggio più veloce ai mille»

image

>
Si comincia dal crono di 3:39.70 sulla pista bagnata di Cles nei 1.500.
È buono il primo atto della stagione 2020 di Yeman Crippa (Fiamme Oro), dopo un mese di raduno in altura a Livigno: il primatista italiano dei 10.000 metri si esprime su un tempo che è in linea con le proprie ambizioni della vigilia, nonostante condizioni meteo non favorevoli.
Per la partenza si attende qualche minuto in più rispetto all’orario previsto e quando scatta la gara ha smesso di piovere, ma resta un vento trasversale piuttosto forte e fastidioso.
È destino che l’esordio di Crippa sia bagnato: lo stesso accadde nella scorsa stagione, peraltro con riscontro cronometrico più alto (3:40.03) di quello odierno.
 
«Sono contento, avevo detto che volevo correre sotto i 3:40 e così è stato – le parole di Crippa – magari si poteva fare un pelino meglio, ma vista la giornata ci sta.
«Sensazioni buone, ho la conferma che mi sono allenato bene e quindi sono positivo per la prossima gara, dove cercherò un passaggio un po’ più veloce ai mille, sui 2:24 o 2:25, per poi provare a chiudere forte e migliorare il personale di 3:37:81.
«Sento di essere sulla strada giusta e ringrazio Yassin Bouih e Leonardo Cuzzolin che oggi mi hanno dato una mano come lepri.»
Erano al debutto, dopo l’altura, anche i compagni d’allenamento Mohad Abdikadar (Aeronautica), secondo in 3:41.21, e David Nikolli (Cento Torri Pavia), terzo in 3:42.49.
Yohanes Chiappinelli (Carabinieri) non va oltre 3:55.64.
 
Quella di oggi, per Crippa, era la prima data tra quelle annotate in calendario: il 5 agosto sarà di nuovo in azione sui 1.500 metri, sempre in Trentino, a Rovereto, e poi dopo qualche giorno di raduno in altura a Livigno si proietterà verso il palcoscenico internazionale della Diamond League con la serata di Montecarlo del 14 agosto e il primo assalto al record italiano di Totò Antibo nei 5.000 metri che resiste da trent’anni.
In programma, poi, un altro 5.000 a Ostrava (Repubblica Ceca) l’8 settembre. Tra le donne, negli 800 metri di Cles, successo per Eleonora Vandi (Avis Macerata) che a livello cronometrico (2:05.71) non fa meglio del debutto di sabato scorso a Milano (2:05.50).
A fare da pacer, per l’occasione, l’ottocentista delle Fiamme Azzurre Elena Bellò.
Distanti dalla Vandi, 2:09.12 per Elisa Bortoli (Esercito) e si migliora la quattrocentista Alessandra Bonora (Rodengo Saiano Mico) con 2:09.55.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni