Home | Sport | Sport Trentino | Tennis tavolo, quinta giornata girone di ritorno

Tennis tavolo, quinta giornata girone di ritorno

Tripla per Lorenzo Chiecchi (Lavis), doppietta per Jacopo Endrizzi (Besenello), punto importante per Luca Michelon (Lavis) su Moratelli

image

>
Quinta giornata positiva per le nostre formazioni regionali impegnate nei campionati nazionali di tennis tavolo.
In B1 maschile il Lavis ha liquidato con un secco e perentorio 5-2 i cugini altoatesini del Termeno, confermandosi terzi in solitaria.
Focus puntato sul campionato di C1 maschile, qui quando mancano due giornate dal termine, i giochi sono ancora aperti sia al vertice e sia in coda.
In testa si è giocato il big match tra il Besenello ed Lavis.
La partita se l’è aggiudicata il Besenello al termine di una battaglia sportiva, con Il punteggio finale di 5-4.
 
Cominciamo a vedere il film di questa giornata dalla fine della pellicola.
Il punto della vittoria, l’ha portato a casa un sempre verde Luca Aldrighetti, che ha piegato, troppo facilmente il gioco difensivo di Lorenzo Bosetti, che di solito è un osso duro per molti attaccanti.
Luca con una tattica perfetta è invece riuscito a bucare il muro del lavisano per chiudere in tre set.
Vittoria che per i lagarini ha significato il sorpasso proprio nei confronti degli uomini del Presidente Michelon.
Normale e comprensibile, è stata l’esultanza dei padroni di casa applauditi sportivamente dagli avversari.
 
Riavvolgendo il nastro dell’incontro, i lagarini hanno poggiato le basi della vittoria, nella prima rotazione, portandosi sul due a uno, grazie ai successi di Luca Aldighetti su Luca Michelon e quello di Jacopo Endrizzi (foto sotto il titolo) su Lorenzo Bosetti.
Lorenzo Chiecchi (foto in basso) ha bloccato la fuga del Besenello, battendo per 3-0 Moratelli.
Il successo dei padroni di casa, è pero maturato nella seconda rotazione, Jacopo ha concesso solo un set a Luca Michelon (foto seguente), Lorenzo Chiecchi ha regolato senza problemi Luca Aldrighetti.
E siamo 3-2.
I lavisani avrebbero potuto pareggiare e portarsi sul 3-3, se Lorenzo Bosetti avesse battuto Giuliano Moratelli.
Ma la partita tra i due, ha avuto tanti episodi all’interno di un unico film.
Giuliano si è portato sul 2-0, senza far capire poco o nulla a Lorenzo.
 
Nel terzo set, Lorenzo è salito di livello, Giuliano ha cominciato a sbagliare le sue schiacciate di dritto ed il parziale è scivolato via a favore di Lorenzo.
Nel quarto è accaduto di tutto dalla fuga di Giuliano all’essere ripreso, ad essere ad un passo dal portare l’incontro alla bella, ad annullare un match point a chiudere l’incontro sul 13-11.
E siamo 4-2 per i lagarini.
 
Lorenzo Chiecchi ha piegato in quattro set Jacopo, facendo vedere al pubblico del buon tennis tavolo.
Sul 4-3, l’ultima rotazione si è aperta bene per i lavisani, che dovevano vincerle tutte per ribaltare l’esito dell’incontro.
Luca Michelon e Giuliano Moratelli sono stati i protagonisti dell’ottavo incontro.
Partiamo dal dire che Luca ha vinto per 3-1, annichilendo per due set Giuliano. 
 

 
Nel terzo parziale Giuliano cambiando strategia tattica e tecnica è riuscita a imbrigliare il gioco di Luca portandolo al quarto.
In questo set si è visto di tutto, è stato molto avvincente, ha regalato delle belle emozioni, tanti bei colpi, ma alla fine, ha vinto il giocatore che ha espresso più costanza e regolarità nell’arco dell’intero match.
 
Della partita fra Luca e Lorenzo abbiamo già detto.
Ed ora, siamo alla resa dei conti due giornate che decreteranno chi salirà in B2.
Tutto è possibile.
Il Lavis dovrà incontrare il Bressanone, già salvo, ed il San Giuseppe.
Il Besenello se la dovrà vedere con il San Giuseppe ed il Buttapietra, formazioni entrambe impelagate in zona retrocessione.
 
E a proposito di zona retrocessione, è successo che i veronesi hanno battuto a sorpresa il Lana, ed il San Giuseppe ha vinto contro il Passirio, oramai rassegnato alla retrocessione.
La sorpresa di cui parlavo prima, fa riferimento al successo del Buttapietra, perché il Lana, salvo, è sceso nella pianura padana, senza il suo miglior giocatore Ronny Lange.
Va da sé che i il Buttapietra ha ringraziato per l’involontario, regalo, ma con questi doni, si rischia di cambiare le carte in tavolo di un torneo, che a ranghi completi, avrebbe avuto altri esiti.
Detto dell’oramai retrocessione del Passirio, da qui alla fine, l’altro posto scomodo per scendere di categoria, sarà un discorso tra San Giuseppe Rovereto e Buttapietra.
 
Manca all’appello il successo del Villazzano per 5-1 sul Bressanone.
Incontro tra due squadre senza patemi, entrambe salve da un pezzo.
La partita ha avuto un’assenza importante per squadra, Santifaller per i brissinesi, Manganelli per i trentini.
Doppia di Di Gennaro e Nicola Alessandrini ed a chiudere Mesaroli su Wierer.
Il punto della bandiera è stato conquistato da Bielak su Mesaroli.
 
Sabato prossimo si chiude il trittico di Marzo.
A Besenello testa coda tra i locali ed il San Giuseppe.
Il Lavis, ospiterà il Bressanone.
Il Buttapietra farà visita ai trentini del Villazzano.
A rigor di logica, alla fine della sesta giornata, non dovrebbe cambiare nulla, ma si sa la pallina è rotonda, l’importante è che non ci siano defezioni
 
Foto Marco Oss.
 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni