Home | Sport | Sport Trentino | È in vista la «100 km dei forti»: sabato 14 e domenica 15 giugno

È in vista la «100 km dei forti»: sabato 14 e domenica 15 giugno

Si pedala che è un piacere tra le fortezze e le malghe dell’Alpe Cimbra – Iscrizioni aperte a tutte le gare fino a domani

image

Le foto sono della scorsa edizione.
 
Venerdì torneranno a ruggire le ruote grasse sugli Altipiani di Lavarone, Luserna e Folgaria.
L’evento 1000Grobbe Bike Challenge-100 Km dei Forti è un classico nel calendario sportivo della primavera trentina e nazionale delle bici fuoristrada e tra pochi giorni andranno in scena nell’ordine: Lavarone Bike, Nosellari Bike e 100 Km dei Forti, con la Mini 1000Grobbe Bike (sabato pomeriggio) a fare la felicità anche dei più giovani.
Terreni tracciati, mappati e pronti, iscritti parziali a quota mille e venerdì si comincia con la Lavarone Bike di una trentina di chilometri e un abbordabile dislivello al di sotto dei 500 metri.
Questo non significa che di passeggiata nel bosco si tratta, è una gara vera, con qualche volto noto della mtb italiana già iscritto e la «Tana Incantata» a 1.376 metri di quota a rappresentare la vetta più alta.
Sabato l’intensità sale con la Nosellari Bike di 41,5 km e un dislivello di 1003 metri, in cui si potranno già definire le parziali del 1000Grobbe Bike Challenge 2014, dato dalla somma dei tempi delle prove di venerdì e sabato e della 100 Km dei Forti di domenica nella variante Classic da 57 km.
 
Domenica, infine, sarà tempo per forti e trincee a fare da scenario alla 100 Km dei Forti sugli itinerari Classic e Marathon di 92 km e 2700 metri dsl.
Partenza per tutti dal parco Palù di Lavarone e poi via per circa 45 km insieme, tra alcune frazioni di Lavarone, passo Vezzena, malga Millegrobbe – malga che dà il nome all’evento del week-end – il paese di Luserna, il Monte Tablat e le malghe Laghetto e Pozze.
Nei pressi di Carbonare di Folgaria i mediofondisti svoltano verso l’ex comando austro-ungarico e infine il finish nella frazione di Lavarone Gionghi. Chi invece avrà optato per il tracciato più lungo, una volta oltrepassata Carbonare attacca i quasi 7 km di salita e 350 mt/dsl fino a forte Cherle e poi ancora forti, il Sommo Alto e il Dosso delle Somme, la Cima Coppi di gara a 1664 metri.
Nei successivi 24 km le discese si alternano a stuzzicanti saliscendi con il Passo Sommo da addomesticare e il traguardo da raggiungere dopo un breve strappo conclusivo.
 
A pochi giorni dalle gare e con le iscrizioni in chiusura domani - mercoledì 11 giugno alle 19.00 - non sono pochi i big già confermati in griglia, come Ragnoli, Celestino, Mensi, Pallhuber, Deho, Costa, Ronchi, Hofer o le ladies Menapace, Zocca, Paolazzi, Lever, Mazzuccotelli e Ferrari, solo per citarne alcuni e in attesa delle ultime conferme. Per la categoria escursionisti è possibile iscriversi fino a venerdì (www.1000grobbe.it).
Allo start della 100 Km dei Forti di domenica a Lavarone sono attesi anche tutti i protagonisti della serie «Trentino MTB presented by crankbrothers» iniziata a maggio in Val di Non e che, nella categoria Open, legge in testa l’altoatesino Johann Pallhuber e la veneta Lorena Zocca.
Siamo alla seconda tappa di sette, chissà che qualcuno non vada già in fuga…

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni