Home | Sport | Sport Trentino | Eleonora Farina, Ambassador bike del Garda Trentino

Eleonora Farina, Ambassador bike del Garda Trentino

La campionessa di Pietramurata sa trasmettere il fascino della pratica sportiva nell’Outdoor Park Garda Trentino

image

Eleonora Farina, in una foto di Daniele Rigotti.
 
Garda Trentino è sinonimo di vita all’aria aperta e di sport, il territorio dove è possibile praticare molte affascinanti discipline che esercitano un forte richiamo sugli appassionati e su tanti atleti di valore internazionale.
Col tempo il rapporto diventa così solido e forte da trasformarsi in qualcosa di unico.
Come è successo con Adam Ondra, il fenomenale climber ceco, diventato quest’anno Ambassador del Garda Trentino per l’arrampicata sportiva.
O come nel caso di Eleonora Farina, venticinquenne biker di Pietramurata, anche lei diventata Ambassador del Garda Trentino per il settore bike.
 
Nessuno come Eleonora Farina, nata e cresciuta in questo paradiso dell’attività fisica, può spiegare meglio cosa significa crescere in una terra che offre così tante opportunità e nessuno può trasmettere meglio di lei l’amore per gli action sport da praticare nell’Outdoor Park Garda Trentino.
Eleonora Farina l’anno scorso ha vinto in sella alla sua Mtb il Campionato Europeo downhill e ha conquistato il titolo di campionessa italiana della specialità.
Nel 2016 ha vinto il Round1 del Circuito Nazionale Gravitalia e ha deciso di alzare il tiro, prendendo parte a tutte le prove di Coppa del Mondo, dove ha ottenuto già lusinghieri risultati nei recenti appuntamenti in Francia e Australia, con un 8° e un 6° posto rispettivamente.
Piazzamenti frutto della passione e di grande costanza negli allenamenti, sempre sui sentieri del Garda Trentino.
 
«Una delle caratteristiche della nostra terra - spiega Eleonora Farina - è sicuramente il clima mite, che consente di praticare attività sportiva per tutto l’anno. E poi l’Alto Garda è la patria della mountain bike, con tantissimi e spettacolari trail, per biker di tutti i livelli. I miei tracciati preferiti sono quelli del Bike Park Garda Trentino: Val del Diaol e il nuovo 601. Un misto di adrenalina e divertimento, difficili, rocciosi, molto allenanti, lunghi e tecnici, ai quali mi dedico con grande divertimento insieme ai ragazzi di Agba (Alto Garda Bike Arena), che li gestiscono.»
Ma l’attività di Eleonora Farina spazia a 360 gradi. I suoi allenamenti invernali comprendono anche l’arrampicata sportiva, una disciplina che in Garda Trentino propone alcune delle più importanti palestre su roccia a livello internazionale.
«Il climbing è un buon modo per tenere in forma braccia ed equilibrio. Può sembrare strano ma con la discesa ha in comune diverse cose: concentrazione massima sui movimenti, una linea da seguire, il controllo del respiro e del baricentro, la forza esplosiva.»
Inoltre la bike Ambassador si prepara facendo enduro, sui meravigliosi itinerari dell’ambito, tecnici e divertenti: «Qui da noi c’è l’imbarazzo della scelta. Nell’Alto Garda mi piace molto il versante sopra Riva del Garda, la mattina quando è illuminato dal sole, o più avanti nella giornata le coste sopra Torbole e Nago, con i loro panorami mozzafiato e sentieri rocciosi piuttosto esigenti.»
 
La collaborazione di Eleonora Farina prevede la partecipazione ad alcuni eventi di promozione nell’arco della stagione.
Inoltre la biker di Pietramurata porterà alle corse in giro per il mondo il marchio del Bike Park Garda Trentino con l’obiettivo di promuovere le discipline gravity nel Garda Trentino a livello internazionale.
Coltivando parallelamente il sogno di salire sul podio della downhill nei mondiali del 29 agosto-11 settembre in programma nella Val di Sole.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni