Home | Sport | Sport Trentino | Un argento e un bronzo tricolori per la giovane Sara Daldoss

Un argento e un bronzo tricolori per la giovane Sara Daldoss

Il Lago di Ledro si conferma così luogo ideale per allenarsi in canoa

image

La premiazione all'Idroscalo di Milano.
 
«Il Lago di Ledro è il posto migliore che ci sia per l’allenamento con la canoa.»
A dirlo è la giovane Sara Daldoss che proprio sulle acque color cobalto del lago trentino ha posto le basi per conquistare un argento ed un bronzo tra le juniores (under 20) ai Campionati Italiani di velocità disputati nel fine settimana all’Idroscalo di Milano.
Un week-end particolarmente ricco per le atlete del Canoa Kayak Ledro, perchè a salire sul podio tricolore è stata anche Laura Bonisolli, ledrense doc ma trapiantata a Pavia per ragioni di studio e pertanto portacolori del CUS Pavia ed argento nel K2 500 metri in coppia con Alice Florio.
Per Sara Daldoss invece le medaglie sono state due, entrambe a titolo individuale nel K1, con un argento nei 500 metri ed un bronzo nei 200 metri, a cui si è accompagnato il quarto posto nei 1000 metri.
 
«Posso dire che ci speravo, ma di certo non ci credevo - è stato il commento di Sara, diciottenne di Lenzumo, in Val Concei e studentessa al Liceo Classico Maffei di Riva del Garda ed allenata da Antonio Rizzi - specie perchè pensavo di patire la stanchezza dei Mondiali juniores a cui ho partecipato la settimana precedente, con un nono posto nel K4 500. Invece in gara è andato tutto bene e sono rimasta sorpresa io stessa, specie dall’argento nei 500 metri perchè ho fatto il mio miglior tempo di sempre (1’58”49, alle spalle di Irene Bellan, 1’57”92).»
Preziosi risultati costruiti proprio sul Lago di Ledro. «Sono ormai cinque anni che mi alleno. Ho iniziato quasi per caso e sulla canoa ho scoperto la mia dimensione: è un impegno piuttosto importante, con anche dodici allenamenti settimanali nei mesi più caldi e di conseguenza il tempo per dedicarmi ad altre attività è ridotto, ma quando posso mi piace arrampicare.»
Sport acquatici e sport di montagna sono solo due delle tante discipline che si possono praticare in Valle di Ledro, autentica palestra a cielo aperto immersa in un contesto ambientale di grande pregio e ricco di biodiversità, tanto da essere riconosciuto e certificato dall'Unesco con l'inserimento nel progetto Riserva della Biosfera.
 
E tornando in acqua, nel fine settimana del 18 - 19 agosto le acque in località Besta, a Molina, ospiteranno il Campionato Regionale di Fondo 5000 metri e di velocità (200m e 500m) organizzato proprio dal Ledro Canoa Kayak del presidente Bruno Zucchelli.
Due giornate di gara che richiameranno in Valle di Ledro circa 300 atleti, impegnati sabato nelle prove di fondo (2.000 e 5.000 metri) e domenica nelle prove veloci (200 e 500 metri), tra cui anche i tanti giovani del vivaio ledrense, cresciuti da Sara Beltrami, Sara Tolotti e Lia Bonisolli.
E nella serata del sabato, sarà possibile godere appieno delle ricchezze gastronomiche della Valle di Ledro grazie alla degustazione della tipica polenta cucia di patate preparata proprio dal Canoa Kayak Ledro per tutti i partecipanti alla manifestazione, previa prenotazione al momento della fase di accredito.
Si tratta di uno dei tanti eventi e manifestazioni che trovano spazio nel ricco agosto ledrense, periodo che sa proporre appuntamenti per tutti i gusti, sia sul fronte sportivo (tra cui anche la Ledro Running, il giro del Lago di Ledro di corsa, del 26 agosto) che su quello culturale (su tutti la rassegna di musica classica Kawai a Ledro) ed eno-gastronomico.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone