Home | Sport | Sport Trentino | Consegnati i riconoscimenti ai migliori sportivi trentini 2018

Consegnati i riconoscimenti ai migliori sportivi trentini 2018

Un lungo applauso ha ricordato il giornalista trentino Antonio Megalizzi ucciso nell’attentato di Strasburgo

image

>
La tennista Monica Cappelletti, la ciclista Letizia Paternoster, l’orientista Simone Bettega, gli sciatori paralimpici Giacomo Bertagnolli e Fabrizio Casal, il mezzofondista Yemaneberhan Crippa, la Dolomiti Energia Basket Trentino e Footgolf Trentino: sono i vincitori della seconda edizione dei «Trentino Sport Awards.
I riconoscimenti consegnati dagli «ospiti speciali» della serata, i campioni Elisabetta Preziosa, Francesco Bettella, Mauro Bergamasco, Giacomo Sintini, Giuseppe Campoccio, Giancarlo Antognoni e Francesco Toldo. Premi speciali anche a Nadia Battocletti e alla Trentino Volley.
Un lungo applauso ha ricordato il giornalista trentino Antonio Megalizzi ucciso nell’attentato di Strasburgo
 
Per la seconda volta il Trentino ha premiato i suoi migliori atleti, donne, uomini e squadre che nella stagione agonistica 2018 hanno conseguito risultati di prestigio nelle rispettive discipline e portato il nome del Trentino nel mondo, sul gradino più alto del podio.
La seconda edizione dei Trentino Sports Awards è andata in scena all'Auditorium S. Chiara di Trento in una serata carica di emozioni e con tanti prestigiosi protagonisti.
A cominciare dagli ospiti d'onore di questo evento, promosso da Provincia Autonoma di Trento, Trentino Marketing, CONI - Comitato provinciale del Trentino e CIP - Comitato Italiano Paralimpico, sette grandi campioni dello sport azzurro.
 
Introdotti da Barbara Pedrotti in veste di conduttrice della serata, sono saliti sul palco accolti dagli applausi del pubblico la ginnasta Elisabetta Preziosa, il nuotatore paralimpico Francesco Bettella, il rugbista Mauro Bergamasco, il pallavolista Giacomo Sintini, il lanciatore del peso, disco e giavellotto paralimpico Giuseppe Campoccio, i calciatori Giancarlo Antognoni e Francesco Toldo.
 

 
Una regia stile «Oscar», con la presentazione delle cinque nomination finali e poi del vincitore, ha tenuto alta l'attesa per tutte e sette le proclamazioni, prima della consegna dei riconoscimenti ai vincitori dalle mani dei campioni ospiti di questa serata.
In questa atmosfera di festa l’applauso più partecipato del pubblico è stato quello tributato al giornalista trentino Antonio Megalizzi vittima dell’atto terroristico nella città di Strasburgo.
In apertura hanno preso la parola Maurizio Rossini, Amministratore unico di Trentino Marketing, e l’Assessore provinciale allo sport e al turismo Roberto Failoni.
 
«È davvero emozionante – ha detto Maurizio Rossini – vedere così tante persone a questa grande festa dello sport trentino. Certo non è un compito facile scegliere i migliori, ma in questa serata vogliamo innanzitutto testimoniare il ringraziamento forte e autentico del Trentino ai propri atleti, ai loro allenatori, protagonisti straordinari di un grande movimento che può solo crescere nel futuro.»
«Questa serata – ha quindi ricordato l’assessore provinciale Roberto Failoni – è una occasione unica per ringraziare tutti i nostri atleti, ma anche le famiglie che li mettono nelle condizioni di primeggiare.
«Molti di loro portano il marchio del Trentino nel mondo rafforzando così il binomio sport e turismo. I giovani presenti questa sera in sala sono la testimonianza più bella di come lo sport contribuisca a migliorare la società e di quanto sia importante poter praticare sport in una terra stupenda come il nostro Trentino.»
 

 
E accanto alle emozioni sportive non sono mancati alcuni momenti di spettacolo, grazie ai danzatori Hip Hop di Powa Tribe diretti dal coreografo Patrick Ang in apertura di serata e all’intermezzo di autentica comicità in chiave sportiva di Lucio Gardin.
Tra gli ospiti anche il dott. Claudio Pecci, direttore sanitario e responsabile del Centro Ricerche Mapei Sport che ha parlato delle attività del Centro da lui diretto e di investimenti nello sport da parte delle aziende.
I primi riconoscimenti consegnati sono stati quelli agli «Ambassador» del Trentino, campioni che, oltre ai risultati agonistici ottenuti nelle ultime stagioni, hanno saputo veicolare in maniera efficace il brand Trentino e i valori che esprime attraverso i loro profili social e un’attività di comunicazione mirata.
I vincitori sono stati designati congiuntamente da Trentino Marketing e CONI Trentino.
«Ambassador dell’anno 2018» sono risultati Simone Bettega, Monica Cappelletti e Footgolf Trentino fra le squadre.
 
La serata è proseguita con la premiazione degli Atleti dell'anno scelti tra una rosa di nominativi indicati dalle diverse Federazioni.
La giuria che ha assegnato questi riconoscimenti era formata da: Diego Andreatta - Vita Trentina; Gianfranco Benincasa - Rai TGR Trento; Alberto Bianchi - Radio NBC; Stefano Bizzotto - Rai Sport; Lucia Blini - News Mediaset; Luca Castaldini - Sport Week; Maurizio Digiangiacomo - Trentino; Stefano Frigo - Corriere del Trentino; Alessio Kaisermann - Trentino TV; Radio Dolomiti; Dody Nicolussi - Sky Sport; Guido Pasqualini - L'Adige; Sara Ravanelli - RTTR; Corrado Tononi – Radio Dolomiti.
La campionessa di ciclismo Letizia Paternoster ha vinto per la seconda volta nella categoria donne. Tra gli uomini il vincitore è risultato il mezzofondista Yemaneberhan Crippa, medaglia di bronzo ai Campionati Europei di Berlino sui 10 mila metri.
 

 
Le quattro medaglie paralimpiche (2 ori, 1 argento e 1 bronzo) conquistate a Pyeongchang hanno consegnato per il secondo anno il riconoscimento per la categoria paralimpici a Giacomo Bertagnolli e Fabrizio Casal.
Anche il premio «sorpresa dell'anno» è andato per la seconda volta di fila alla squadra della Dolomiti Energia Basket Trentino.
Due riconoscimenti speciali sono stati consegnati rispettivamente a Nadia Battocletti per la sua recente vittoria agli Europei di corsa campestre - categoria Under 20 e alla Trentino Volley, testimonial per eccellenza da 10 anni del «Trentino nel mondo»: 3 Champions League e ben 5 Campionati del Mondo per il team più titolato della storia del volley mondiale, premio che è stato consegnato dall’Assessore provinciale all’istruzione università e cultura Mirko Bisesti.
 
Prima della conclusione per il Comitato trentino del Coni hanno preso la parola il vice presidente Paolo Crepaz e il delegato del CIP Massimo Bernardoni.
«Il Coni - ha detto Paolo Crepaz - è orgoglioso di questi atleti, la nostra priorità rimane promuovere i più giovani a crescere e anche questa manifestazione va in questa direzione.»
«Sono tantissimi i ragazzi, ha aggiunto Massimo Bernardoni, che dopo una malattia o un incidente si rimettono in gioco e ritornano a vivere grazie allo sport trasmettendo messaggi che rendono migliore la nostra società.»
 

 
 TUTTI GLI AWARDS 2018 
- «Ambassador» Trentino:
Atleta donna, Monica Cappelletti (tennis)
Atleta uomo, Simone Bettega (orienteering)
Squadra, Footgolf Trentino (footgolf)
 
- Atleti dell’anno:
Atleta donna, Letizia Paternoster (ciclismo)
Atleta uomo, Yemaneberhan Crippa (atletica)
 
- Sportivo paralimpico dell’anno:
Bertagnolli Giacomo e Casal Fabrizio (sci Alpino)
 
- «Sorpresa» dell’anno:
Dolomiti Energia Basket Trentino (basket)

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni