Home | Sport | Sport Trentino | Prima giornata di Pallamano Serie A1 disputata al Palavis

Prima giornata di Pallamano Serie A1 disputata al Palavis

Pallamano Pressano CR Lavis e Cassano Magnago pareggiano 22 a 22

Girandola di emozioni già nei primi sessanta minuti: si è aperta col botto la stagione di Serie A1 per la Pallamano Pressano CR Lavis che nel match d’esordio al Palavis contro i lombardi del Cassano Magnago – lo scorso anno semifinalisti scudetto – ha portato a casa un pareggio allo scadere.
Ventidue a ventidue lo score finale, firmato dal neo acquisto Nikocevic proprio all’ultimo secondo di gara: una saetta che ha così reso quantomeno agrodolce il primo passo stagionale per i gialloneri.
La truppa guidata da Neven Andreasic, priva di Alessandrini, Di Maggio e D’Antino, ha saputo comunque mostrare carattere e saper sopperire alle assenze anche e soprattutto grazie al classe 2002 Fadanelli che in alcuni frangenti ha tenuto su la squadra.
Dall’altra parte del campo mastica amaro un Cassano che ha condotto il match per larghi tratti: tonici, determinati e dalla panchina lunga, gli amaranto hanno assaporato il colpaccio ma non sono riusciti a concretizzarlo.
 
In avvio di gara soffrono soprattutto in attacco i padroni di casa: 1-3 Cassano dopo 10’, 2-5 dopo 15’ a testimonianza di una fase offensiva sbloccata solo dai jolly individuali.
La reazione però arriva: Nikocevic e Dedovic ribaltano la situazione, Giongo firma il primo vantaggio sul 9-8, prima che Cassano con la vena di Fantinato e Moretti chiudesse il primo tempo avanti, 10-11.
Nella ripresa è puro equilibrio: mai più di una rete di vantaggio a turno per le due squadre che con i nervi tesi avanzano senza indirizzare il match.
La gara si fa una battaglia con Pressano che spreca più volte il +2 e si ritrova ben presto sotto: quando a 6’ dalla fine i gialloneri restano con due uomini in meno Cassano può sferrare il colpo invece sbaglia due attacchi e tutto è in discussione nuovamente. 
 
Ancora una volta però l’attacco giallonero tradisce e gli ospiti schizzano sul 20-22 a 2’ dalla fine, conquistando anche il pallone del +3 a un minuto e mezzo dal termine.
Qui è harakiri: palla recuperata e rete in velocità di Nikocevic, poi a 10” dalla fine altro pallone ripreso dai gialloneri che sulla sirena sempre con il montenegrino pareggiano facendo esplodere un Palavis gremito.
Un punto positivo quindi e testa ora alla trasferta di Bressanone sabato prossimo.
 
 Il tabellino 
Pressano - Cassano Magnago 22-22  (p.t. 10-11)
 
Pressano: Argentin 2, Chistè, Cipriani, Dallago, Dedovic 4, Facchinelli, Fadanelli 5, Folgheraiter, Giongo 2, Moser N., Nikocevic 9, Moser M., Sontacchi D., Sontacchi G., Sampaolo, Rossi. All. Andreasic
Cassano Magnago: Bassanese 1, Bortoli 4, Dorio, Fantinato 5, Gallazzi, Ilic, Monciardini, Riva, La Mendola, Marzocchini, Milanovic, Moretti 9, Possamai, Saitta 1, Savini 2, Scisici. All. Kolec
Arbitri: Cosenza-Schiavone
 
 La classifica aggiornata 
Conversano 2 punti, Ego Siena 2, Alperia Merano 2, MFoods Carburex Gaeta 2, Raimond Sassari 2, PRESSANO 1, Cassano Magnago 1, Banca Popolare di Fondi 0, Trieste 0, Junior Fasano 0, Brixen 0, Metelli Cologne 0, Bolzano 0*, Sparer Eppan 0*.
*una partita in meno

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni