Home | Sport | Sport vicini al Trentino | Renato Ferrari migliore tiratore all’8° Memorial Fondatori

Renato Ferrari migliore tiratore all’8° Memorial Fondatori

Ferrari, Rossi e Pezzaioli conquistano 3 dei 6 trofei della competizione dedicata al ricordo dei fondatori del Concaverde – A premio anche Massardi, Marini e Forno

image

>
Si è chiuso con la vittoria di Renato Ferrari (73/75) del Trap Pezzaioli l'8° Memorial dedicato ai fondatori del Concaverde, disputatosi a Lonato del Garda sabato 8 giugno.
Era il 1982, quando quattro affezionati amici, capitani coraggiosi quanto intraprendenti, decisero di dare vita a un campetto di tiro a volo per potersi dedicare al loro sport preferito.
Qualche anno dopo si unì a loro il titolare di una nota armeria, che contribuì con la sua esperienza alla crescita esponenziale della struttura.
 
Fu così, tra il serio e il faceto, che, in località La Basia, a un tiro di schioppo dalle sponde del Garda, cominciò a muovere i primi passi ciò che oggi, 37 anni dopo, è unanimemente considerata un'eccellenza italiana che il mondo ci invidia.
Un'eccellenza che, presto, sarà il palcoscenico del campionato mondiale (a luglio) e di quello europeo (a settembre) delle discipline olimpiche di questo meraviglioso sport.
 

 
Tra i tanti partecipanti, molti internazionali, andati a premio in questa gara, i migliori per ogni categoria e qualifica sono stati: Ivan Rossi (25+9) nel barrage tra gli Eccellenza dedicato a Egidio Tolettini dopo uno faticoso spareggio contro il campione belga Peeters Yannick (25+8); Enrico Massardi (25) nella finale tra i Prima Categoria per il trofeo intitolato a Bruno Carella; Federico Marini (25) tra i Seconda categoria per la coppa in ricordo di Giovanni Tolettini; Elisa Forno (25) nella sfida decisiva per il trofeo dedicato a Roberto Zilioli e Giorgio Pezzaioli (25) in quella riservata ai veterani e master per il premio in ricordo di Vittorio Piovanelli.
 
«È sempre un appuntamento particolare quello dedicato ai fondatori di questa struttura – ha ricordato Ivan Carella, attuale presidente succeduto a Egidio Tolettini – e avere in pedana tantissimi amici e tiratori, provenienti anche da molto lontano e dall’elevato tasso tecnico, è il modo migliore per ricordarli.
«Abbiamo tra le mani un’eredità, sportiva e morale, importante e il nostro compito non può essere altro che quello di preservarla e, laddove possibile, diffonderla e farla crescere.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone