Home | Sport | Sport vicini al Trentino | Conclusa la 45ª edizione BOclassic Alto Adige

Conclusa la 45ª edizione BOclassic Alto Adige

Trionfano Eyob Faniel e Margaret Kipkemboi – Quinto il trentino Yemaneberhan Crippa

image

Foto Mosna.

Per la prima volta dopo 31 anni la vittoria della BOclassic Alto Adige è andata a un atleta italiano: Eyob Faniel.
Il maratoneta e mezzofondista delle Fiamme Oro ha vinto la 45a edizione della corsa bolzanina di San Silvestro battendo in volata l’etiope Telahun Haile Bekele, dato per favorito alla vigilia della gara.
La gara élite femminile è andata all’atleta kenyota Margaret Chelimo Kipkemboi, che ha eguagliato il record della manifestazione (15’30”) e battuto di un solo secondo la vincitrice dello scorso anno, l’etiope Netsanet Gudeta.
Sul terzo gradino del podio è andata la keniota Gloriah Kite.
 
Un allungo negli ultimi metri ha permesso a Eyob Faniel di aggiudicarsi la gara in 28’21”, distanziando di soli sette secondi Bekele (28’28”), arrivato quarto sui 5.000 m ai Mondiali di Doha.
A Faniel è riuscito il colpaccio di essere il terzo italiano di sempre a vincere la gara dopo Cova nel 1985 e Antibo nel 1988, dopo una gara straordinaria, che ha visto 5 atleti fronteggiarsi per buona parte della competizione.
Il keniota Amos Kipruto, bronzo nella maratona ai Mondiali, si è classificato al terzo posto, perdendo terreno soltanto nell’ultimo giro.
 
Ai piedi del podio ha concluso la gara Albert Chemutai (28’50”), atleta ugandese della società bolzanina Athletic Club 96, che ha preceduto di poco il trentino (28’54”), beniamino del pubblico di casa e compagno di squadra di Faniel nelle Fiamme Oro.
Entrambi sono rimasti incollati al terzetto di testa per buona parte della gara.
L’altoatesino Markus Ploner ha concluso la BOclassic Alto Adige in 20esima posizione, raggiungendo il traguardo in 31'50”.
 

 
 Margaret Chelimo Kipkemboi batte per un soffio Netsanet Gudeta 
Non era scontato il risultato nemmeno in campo femminile, dove al via erano presenti diverse atlete di punta.
Si prospettava una sfida tra atlete etiopi e keniote e così è stata fin da subito, quando si è formato un quintetto in testa alla gara, composto da Kipkemboi, Gudeta, Kite, Cherono e Tariku.
Nel corso della gara le prime tre hanno dimostrato di avere un ottimo passo, arrivando raggruppate alla volata finale, che ha visto Margaret Chelimo Kipkemboi vincere eguagliando il record della gara (15’30”) di Agnes Tirop e regalando al Kenya la 25a vittoria alla BOclassic Alto Adige.
Sfumata la vittoria per un solo secondo, Netsanet Gudeta (15'31") ha raggiunto il traguardo al secondo posto, battendo di pochissimo Gloriah Kite (Kenya; 15'32"), finita in terza posizione.
La migliore atleta italiana è stata la trentina Nadia Battocletti, sesta con un tempo di 16’11”.
 

 
 Soddisfazione tra gli organizzatori 
Si è mostrato entusiasta della manifestazione Christof Brandt, presidente dell’associazione Läufer Club Bozen Raiffeisen, che ha organizzato la manifestazione.
«Oggi abbiamo visto delle gare splendide. A partire dagli amatori, con i quali abbiamo raggiunto un nuovo record di partecipanti nelle diverse categorie, ossia 970 persone.
«Le gare élite, che sono sempre l’apice del nostro evento sportivo, sono state imperdibili ed estremamente appassionanti.
«Prima Margaret Chelimo Kipkemboi ha eguagliato il record e poi la vittoria del primo italiano degli ultimi trent’anni da parte di Enyob Faniel: sono state le ciliegine sulla torta in una straordinaria giornata di sport.
«La gara di oggi per noi è stata molto importante, visto che ha debuttato come IAAF Road Race Bronze Label. Siamo una delle pochissime gare in Italia ad avere ottenuto questo riconoscimento.
«I supervisori presenti oggi si sono complimentati con noi per l’organizzazione. Desidero ringraziare infine i numerosi volontari e naturalmente anche i nostri sponsor, senza il cui sostegno non potremmo realizzare la BOclassic Alto Adige.»
 

 
 Le voci dei protagonisti 
Eyob Faniel (vincitore).
«Sono molto contento di come sia andata, sapevo di poter correre forte. Non sapevo però di poter vincere, perché c‘erano atleti di livello mondiale. Non mi sono allenato in particolare per questa gara, dato che mi sto preparando per la maratona.»
 
Margaret Chelimo Kipkemboi (vincitrice).
«Oggi sono stata alla partenza qui a Bolzano per la seconda volta e naturalmente sono molto contenta di aver battuto Netsanet Gudeta. La gara è stata molto veloce e naturalmente anche questa è una cosa bella.»
 
Nadia Battocletti (6° posto).
«Oggi ho dato una buona prestazione. Ci posso sicuramente lavorare su. Il pubblico qui a Bolzano ci ha incitato e questo mi ha dato una spinta in più. Mi sono innamorata di questa gara.»
 
Markus Ploner (20° posto).
«Oggi ho dovuto lottare molto. Al secondo e al terzo giro ho avuto delle fitte ai fianchi. Per questo ho fatto molta fatica. Ma ho combattuto.
«Può darsi che quella di oggi sia la mia 17a e ultima partecipazione alla BOclassic. Il prossimo anno compirò 40 anni, per questo vorrei ridurre le gare di questo livello.»
 

 
 Le classifiche della 45a BOclassic Alto Adige - gare élite 
Maschile:
1. Eyob Ghebrehiwet Faniel (Italia) 28'21"
2. Telahun Haile Bekele (Etiopia) 28'28"
3. Amos Kipruto (Kenya) 28'37"
4. Albert Chemutai (Uganda) 28'50"
5. Yemaneberhan Crippa (Italia) 28'54"
 
Femminile:
1. Margaret Chelimo Kipkemboi (Kenya) 15'30"
2. Netsanet Gudeta (Etiopia) 15'31"
3. Gloriah Kite (Kenya) 15'32"
4. Mercy Cherono (Kenya) 15'38"
5. Alemitu Tariku (Etiopia) 16'00"

Link a tutte le classifiche della BOclassic Alto Adige


Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni