Home | Sport | Volley | Mondiale per club 2018, Diatex Trentino Volley vola in finale!

Mondiale per club 2018, Diatex Trentino Volley vola in finale!

Battuta 3-1 Fakel Novy Urengoy in semifinale, domenica 2 dicembre scende in campo contro la Cucine Lube Civitanova

image

Foto di fonte fivb.org.
 
A distanza di sei anni dall’ultima volta, la Trentino Diatecx torna in Finale del Mondiale per Club.
Il successo di questa sera per 3-1 sui russi del Fakel Novy Urengoy a Czestochowa, nella seconda semifinale dell’edizione 2018 del torneo iridato, ha infatti nuovamente spalancato le porte per un appuntamento con la gloria alla Società di via Trener, che domenica 2 dicembre a partire dalle ore 20.30 alla Hala Sportowa potrà andare a caccia del quinto titolo di Campione del Mondo della sua storia.
A contenderle il trofeo più ambito fra le squadre di tutto il pianeta ci sarà la Cucine Lube Civitanova in un ultimo atto tutto italiano, a conferma dell’assoluta competitività della SuperLega Credem Banca.
La Trentino Diatecx si è assicurata questa opportunità imponendo con autorità la propria legge rispetto agli avversari.
 
Il Novy Urengoy era inizialmente riuscita a sorprendere i gialloblù nel primo set, toccando percentuali stellari in attacco (80%), prima di subire la veemente reazione della squadra di Lorenzetti.
Diretta in maniera magistrale da Giannelli in regia (che ha fatto attaccare i suoi col 70% di squadra, subendo un solo muro!), la Trentino Diatecx ha sciolto la tensione a partire dal secondo set diventando sempre più protagonista in campo e mettendo all’angolo i russi, travolti dall’onda d’urto a rete di Kovacevic (best scorer assieme a Udrys con 18 punti), Vettori (16 col 74%) e Russell (14 realizzazioni col 72%).
A togliere sempre più sicurezze al Fakel ci hanno pensato anche i muri di Lisinac (3), le tante difese di Grebennikov e gli ace (11 con appena 13 errori in battuta), andati a segno con ben cinque giocatori differenti.


 
 La cronaca del match 
La Trentino Diatecx recupera Russell e si presenta quindi con Giannelli in regia, Vettori opposto, Kovacevic altro posto 4, Lisinac e Candellaro al centro e Grebennikov libero. I sette titolari scelti da Camillo Placì per il suo Fakel Novy Urengoy sono invece Kolodinskiy palleggiatore, Udrys opposto, Kliuka e Volkov schiacciatori, Kolenkovski e Iakovlev centrali, Shoji libero.
 
L’avvio è equilibrato; i gialloblù provano a scappare con Lisinac al servizio (5-3), ma vengono immediatamente ripresi dagli avversari (6-6, errore in attacco di Vettori).
Kovacevic col servizio offre un nuovo vantaggio minino (11-9), ma Volkov con la stessa arma pareggia i conti già a quota 13-13.
Si va avanti a suon di cambiopalla sino al 19-19, poi i russi accelerano con Udrys (21-23) e si tengono stretto il vantaggio, chiudendo sul 22-25 con un attacco da posto 4 di Volkov.
 
La reazione della Trentino Diatecx si materializza sin dai primi punti del secondo set e porta la firma di Lisinac e Kovacevic (6-4 e poi 11-6).
Giannelli infila un grande turno al servizio, che proietta i gialloblù al +7 (14-7). Il Fakel si innervosisce, soffre in ricezione e fatica in attacco: Trento dilaga (20-11 e 23-13) portandosi a casa in fretta il punto della parità nel computo dei parziali (25-14 con Vettori scatenato a rete).
 
Nel terzo periodo si torna sui binari dell’equilibrio, almeno sino al 6-6, poi ci pensano due ace di Vettori (8-6) a spezzarlo. In seguito la Trentino Diatecx aumenta il proprio vantaggio (12-9 e 15-10) sempre con l’opposto emiliano e con altre due battute punto di Kovacevic.
Anche in questo caso Novy Urengoy accusa il colpo e non reagisce (19-13, 22-14), lasciando spazio alla verve di Giannelli in regia e alla ritrovata efficacia a rete di Vettori: 25-16 e 2-1.
 
La Trentino Diatecx ha fretta di chiudere e riparte lanciata con Russell al servizio (3-0) e con Vettori in attacco (7-3).
Il Fakel reagisce con Volkov e Iakovlev sino al 10-9, prima che i gialloblù con Kovacevic in zona di battuta riallarghino la forbice (16-11).
Nell’ultima parte del set Trento diventa padrona assoluta del punteggio (20-14) con Vettori e vola veloce verso il 3-1 e la sua quinta finale mondiale (25-19).
 

 
 Il commento a caldo 
«Ci tenevamo a rendere merito alla nostra Società, che aveva voluto fortemente la partecipazione a questa manifestazione e ci siamo riusciti centrando la qualificazione ad una finale che è un grande traguardo e che offre prestigio anche alla nostra SuperLega, – ha dichiarato l’allenatore della Trentino Diatecx Angelo Lorenzetti al termine della semifinale. – Ci aspettavamo una partita difficile e così è stata sin dall’inizio, poi nel secondo set siamo riusciti a cambiare marcia grazie ad un buon lavoro in cambiopalla e alla nostra efficienza al servizio, che almeno inizialmente avevamo faticato a mettere come avremmo dovuto.
«Voglio ringraziare lo staff medico, che ci ha permesso di recuperare Russell per la partita odierna e soprattutto lo ha mandato in campo senza rischi.»
 
L’appuntamento con la storia per la Trentino Diatecx scoccherà alle ore 20.30 di domenica 2 dicembre, momento in cui sempre a Czestochowa prenderà il via la Finale per il titolo iridato per Club contro la Cucine Lube Civitanova. Diretta RAI Sport + HD e Radio Dolomiti.
 
 Il tabellino 
Fakel Novy Urengoy-Trentino Diatecx 1-3
(25-22, 14-25, 16-25, 19-25)
 
FAKEL NOVY URENGOY: Kolenkovsky 3, Udrys 18, Volkov 17, Iakovlev 8, Kolodinskiy, Kliuka 6, Shoji (L); Bogdan 3, Ananiev 1, Rukavishnikov, Kimerov, Shenkel. N.e. Getman, Petrushov. All. Camillo Plac.
TRENTINO DIATECX: Candellaro 6, Giannelli 3, Kovacevic 18, Lisinac 11, Vettori 16, Russell 14, Grebennikov (L); Nelli, Van Garderen. N.e. Cavuto, Daldello, De Angelis e Codarin.  All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Casamiquela (Argentina) e Cespedes Lassi (Repubblica Dominicana).
DURATA SET: 26’, 25’, 28’, 26’; tot. 1h e 45’.
NOTE: 3.621 spettatori. Fakel Novy Urengoy: 1 muro, 4 ace, 17 errori in battuta, 5 errori azione, 61% in attacco, 58% (13%) in ricezione. Trentino Diatecx: 5 muri, 11 ace, 13 errori in battuta, 5 errori azione, 70% in attacco, 76% (22%) in ricezione.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone