Home | Sport | Volley | L’Argentario piegato 3-0 dalla Bioxigen Udine

L’Argentario piegato 3-0 dalla Bioxigen Udine

Al PalaBocchi di Trento la partita è stata dominata dalle friulane

Dopo la bella vittoria di sabato scorso che aveva aperto il girone di ritorno, per l'Argentario arriva una netta sconfitta per 3-0 (18-25, 16-25, 14-25) contro la ben più quotata Bioxigen Pav Udine.
Al PalaBocchi le trentine sono riuscite a tenere testa alle friulane soltanto negli scambi iniziali dei tre set, mentre le avversarie hanno dimostrato ottime cose anche senza il palleggio titolare Valeria Pesce e la schiacciatrice Erica Giacomel ancora costretta alla panchina per un infortunio.
Vittoria meritata per Lugli e compagne, che così salgono a venticinque punti a ridosso della zona play-off e tornano alla vittoria dopo un periodo avaro di soddisfazioni.
Bonafini e compagne restano invece ferme a dodici punti in piena lotta salvezza. Per le ragazze di mister Maurizio Moretti dopo il giorno di riposo sarà già tempo di preparare il derby con il Volano prima e il match con Verona poi, in attesa della delicata sfida salvezza con la Carinatese.
 
 La cronaca 
Per la seconda partita del girone di ritorno Maurizio Moretti sceglie Bonafini in regia, Barbazeni e Brugnara al centro, Pucnik e Tellaroli in banda, Perez opposto, Dorigatti libero.
Dall’altro lato del campo la Bioxigen Pav Udine schiera Costagli opposto, Sabadin, Lugli, Rossetto, Gogna, Pastorello e Gallo libero.
I primi scambi sono di assaggio e l’avvio di partita è equilibrato (6-8). In pochi minuti però l’Argentario è costretto a cedere il passo alle avversarie, che si portano sul più quattro (12-16).
Il vantaggio friulano aumenta sino al più sette, che, di fatto, decreta la fine del primo parziale (14-21). È ancora di sette punti il distacco con il quale le ospiti chiudono la prima frazione sul punteggio di 18-25, dopo il punto realizzato da Rossetto.
Le friulane tornano in campo dopo la pausa ancora con il piede premuto sull’acceleratore (5-8).
Bonafini e compagne riescono strenuamente ad agguantare il pari provvisorio (8-8).
Grazie ai colpi di capitan Lugli la Bioxigen allunga (11-16) fino al più sette (14-21). A mettere fine alla frazione è l’attacco di Costagli, che chiude sul punteggio di 16-25.
L’Argentario parte bene anche nel terzo periodo (5-5), ma le avversarie sono ancora una volta brave a piazzare punti pesanti (5-8, 8-16). Il break di 0-10 mette di fatto fine alla partita (10-21) e le friulane chiudono set e partita sul punteggio di 14-25.
Il tabellino finale mostra come la Bioxigen sia stata superiore in tutti i fondamentali: in battuta (2 punti contro 10), in ricezione (54% contro 63%), in attacco (29% contro 42%) e a muro (5 punti contro 7).
In casa Argentario da segnalare è la prestazione di Sabina Perez, che ancora una volta si conferma top scorer con 12 punti, anche se la sua percentuale d'attacco è abbastanza bassa.
Primato che condivide con Lara Lugli e Aurora Rossetto. In doppia cifra anche Valentina Pastorello (10 punti).
 
 Le dichiarazioni 
L’obiettivo di fare punti è sfumato di fronte a un avversario che ha meritato di vincere e che ha dimostrato le proprie qualità in campo.
«Dobbiamo dare merito alle avversarie, – spiega l’allenatore Maurizio Moretti. – Hanno giocato un grande match, nonostante le assenze di Pesce e Giacomel. Va riconosciuto.
«Per quanto ci riguarda abbiamo faticato a mettere in pratica quanto provato in settimana e solo alcuni interpreti hanno saputo affrontare il match con la determinazione giusta.
«Ora occorre guardare avanti e continuare a lavorare per preparare le prossime sfide che ora saranno fondamentali.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone