Home | Sport | Volley | Trentino Itas in semifinale di 2019 Cev Cup

Trentino Itas in semifinale di 2019 Cev Cup

Amriswil sconfitto 3-0 alla Blm Group Arena anche nella gara di ritorno dei quarti

image

Foto di Marco Trabalza.
 
Per la quarta volta nelle ultime cinque stagioni Trentino Volley centra l’accesso alla semifinale di una competizione europea, in questo caso la 2019 CEV Cup.
Dopo la vittoria del Mondiale per Club 2018 a dicembre, la compagine gialloblù ha ribadito anche stasera la propria dimensione europea eliminando gli svizzeri dell’Amriswil nei quarti di finale del torneo e staccando quindi l’accesso al penultimo turno del tabellone, dove troverà la vincente del confronto fra i bulgari del Burgas e i greci dell’Olympiacos (la gara di ritorno si gioca giovedì sera ad Atene dopo il 3-1 dell’andata).
A distanza di due settimane dal successo ottenuto in terra elvetica, la squadra di Lorenzetti si è dimostrata superiore al Lindaren Volley anche alla BLM Group Arena imponendole un altro 3-0; tutto ciò nonostante il tecnico trentino abbia dovuto fare a meno di tre titolari del calibro di Lisinac (lasciato in tribuna a causa di problemi accusati al polpaccio sinistro già nello scorso weekend), Giannelli e Kovacevic, che hanno seguito la partita dalla panchina.
 
I loro naturali sostituti non li hanno fatti rimpiangere sfoderando una prestazione convincente: in particolare Codarin (alla fine mvp con 7 punti, il 71% in primo tempo e due muri) e Daldello hanno dimostrato di reggere bene il campo, diventando buoni protagonisti di un match che è stato combattuto solo nel parziale di apertura.
Vinto quello per 25-21 grazie soprattutto alla verve di Russell a rete, la sfida è diventata tutta in discesa per i gialloblù, che hanno messo in evidenza anche Van Garderen (9 punti col 69%) ed lo stesso Aaron (13 col 69% e due block).
Piacevole passerella anche per i baby Michieletto e Pizzini, aggregati alla prima squadra in questa occasione e subito utilizzati per qualche scambio a fine set; Alessandro (figlio del Team Manager Riccardo) si è tolto anche la soddisfazione anche di chiudere la contesa con una diagonale di pregevole fattura.


 
 La cronaca della gara 
Gli starting six presentano novità solo nella metà campo dei padroni di casa; Angelo Lorenzetti deve fare a meno contemporaneamente di Giannelli, Lisinac e Kovacevic e schiera quindi la Trentino Itas con Daldello in regia, Vettori opposto, Van Garderen e Russell in posto 4, Codarin e Candellaro centrali, Grebennikov libero; Marko Klok, tecnico del Lindaren Volley, risponde con Howatson al palleggio, Zass opposto, Gommans e Djokic schiacciatori, Ljubicic e Kamnik centrali, Daniel libero.
L’inizio di partita è tutto nel segno degli ospiti che con muro e ricostruita fanno subito la voce grossa (0-4), ma i gialloblù non si disuniscono e con Russell risalgono in fretta la china, trovando la parità già sul 6-6 (contrasto a rete vincente di Candellaro).
Van Garderen mura Djokic e consegna a Trento il primo vantaggio della serata (8-7), subito raddoppiato dall’ace di Candellaro (10-8).
Il margine resta grossomodo invariato nella parte centrale del set (14-12), poi un errore di Djokic vale il +3 (18-15), costringendo al time out gli svizzeri; al rientro in campo il servizio di Howatson, condito anche da due ace, riporta in linea di galleggiamento Amriswil (19-19).
Il finale di frazione si gioca quindi allo sprint ed è deciso dal muro di Russell su Djokic e dal contrattacco di Vettori (24-21 e poi 25-22 col cambiopalla conquistato dallo stesso opposto emiliano).
 
Nel secondo set la Trentino Itas prende subito in mano le redini del gioco e grazie ad un lungo turno al servizio di Vettori si porta immediatamente sul 9-1, con Klok che ha già speso un time out per cercare di fermare il treno gialloblù in corsa.
Daldello si destreggia bene in regia e serve spesso anche Codarin, che timbra regolarmente il cartellino offrendo il 14-5, momento in cui il Lindaren Volley spende anche la seconda interruzione discrezionale.
La strada che porta verso il 2-0 (e la conseguente qualificazione alle semifinali) è tutta in discesa per i Campioni del Mondo (18-5, 21-11) e Lorenzetti ne approfitta per inserire anche Nelli, Cavuto e pure il baby Michieletto, prima che Codarin stampi a terra due muri per il 25-13 che vale il 2-0.
 
La contesa torna equilibrata nella parte iniziale del terzo set, parziale che Trento affronta confermando Cavuto e Nelli nella formazione titolare; la Trentino Itas guadagna un promettente vantaggio sull’8-6 grazie allo stesso Oreste e poi con Nelli (servizio ed attacco) aumenta esponenzialmente l’andatura (14-8).
Anche Klok decide di utilizzare le seconde linee e Lorenzetti allora lancia di nuovo Michieletto sul 19-11; il 3-0 finale arriva in fretta con l’attacco conclusivo proprio di Michieletto (25-16).
 

 
 Il commento a caldo 
«Sapevamo di essere superiori all’Amriswil ma dovevamo confermarlo con i fatti, – ha dichiarato al termine della gara l’allenatore Angelo Lorenzetti. – Ci siamo riusciti mettendo in campo il giusto atteggiamento; il primo set non è stato semplice ma la formazione schierata era assolutamente inedita e ci ha messo un po’ a trovare il ritmo giusto.
«In seguito ci siamo sciolti e tutto è stato più semplice. Siamo entrati in un momento diverso della nostra stagione e dobbiamo essere bravi a reggerlo anche magari utilizzando giocatori differenti dal solito.»
 
Per i Campioni del Mondo un giovedì di riposo, prima di riprendere gli allenamenti nel pomeriggio di venerdì in vista del prossimo impegno di SuperLega Credem Banca 2018/19 programmato per lunedì 18 febbraio alle ore 20 a Verona contro la Calzedonia.
 
 Il tabellino 
Trentino Itas-Lindaren Volley Amriswil 3-0
(25-22, 25-13, 25-16)
 
TRENTINO ITAS: Van Garderen 9, Codarin 7, Vettori 8, Russell 13, Candellaro 2, Daldello, Grebennikov (L); Nelli 8, Cavuto 3, Michieletto 1, Pizzini. N.e. De Angelis, Giannelli e Kovacevic All. Angelo Lorenzetti.
LINDAREN VOLLEY: Djokic 7, Ljubicic 1, Zass 8, Gommans 1, Kamnik 6, Howatson 3, Daniel (L); Brandli, Mueller, Weber, Fort 4, Schnegg (L), Weisigk. All. Marko Klok
ARBITRI: Kaiser di Parigi (Francia) e Varbanov di Sofia (Bulgaria).
DURATA SET: 31’, 21’, 22’; tot  1h e 14’’.
NOTE: 2.552 spettatori. Trentino Itas: 6 muri, 4 ace, 11 errori in battuta, 7 errore azione, 63% in attacco, 63% (18%) in ricezione. Lindaren Volley: 0 muri, 3 ace, 14 errori in battuta, 9 errore azione, 36% in attacco, 49% (17%) in ricezione. Mvp Codarin.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone