Home | Sport | Volley | Il J'accuse! del presidente Trentino Volley Diego Mosna

Il J'accuse! del presidente Trentino Volley Diego Mosna

Il presidente Mosna: «Quello della FIPAV uno sgarbo istituzionale. 24 milioni di danni economici per la Lega»

 
Ai microfoni di SuperNews il presidente della Trentino Volley Diego Mosna.
L'ex presidente della Lega Pallavolo Serie A ci racconta di come la società abbia accolto la decisione della chiusura del campionato, dei danni economici che hanno colpito l'ambiente del volley e di quando, secondo la sua opinione, si possa riprendere l'attività agonistica.
Infine, il presidente si augura che possa esserci un cambiamento che parta dal vertice di questo sport.
 
Sulla decisione della chiusura del campionato
È stata accolta malissimo, pur nella sua legittimità. Tutta la pallavolo di vertice si aspettava perlomeno di essere consultata, prima di prendere una decisione così importante. Questo non è avvenuto, generando così uno sgarbo istituzionale che mi ha spinto a dimettermi dalla carica di presidente della Lega Pallavolo Serie A.
 
Sulla ripresa dell’attività agonistica
Credo che le discipline individuali non facciano correre alcun rischio agli atleti, ai quali personalmente avrei fatto riprendere l’attività anche prima della data stabilita. Per ciò che riguarda gli sport di squadra, bisognerebbe fare una serie di valutazioni sui protocolli che ogni club ha, la scelta dovrebbe essere demandata ad autorità locali che conoscono meglio la situazione di ogni realtà. Dal mio punto di vista, rispettando le norme sanitarie si potrebbe riprendere da subito, non vedo la differenza tra oggi e tra quindici giorni. Tuttavia, accettiamo anche questa decisione.
 
Perdite economiche
Per tutta la Lega, sono circa 24 milioni di danni. Per il Trentino Volley, si tratta di perdite economiche pari a 1, 2 milioni. Ecco perché per noi sarebbe stato importante proseguire, giocare i playoff, ospitare un pubblico anche limitato, ma poterlo ospitare ugualmente. Abbiamo una serie di mancati ricavi importantissimi, che adesso dobbiamo trasferire ai soci e ai nostri atleti operando delle riduzioni.
 
Sul rapporto tra Lega e FIPAV
Si dovrà ricostruire su nuove basi, perché non è possibile non dialogare. Io, da presidente di Lega, incarnavo quella tensione che nasceva dal contrasto tra la corrente del «giocare sì» e quella del «giocare no». Togliendo l’imbarazzo della mia persona, sarà molto più semplice dialogare con la Federazione.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni