Home | Arte e Cultura | Come esercitarsi a parlare inglese

Come esercitarsi a parlare inglese

Dalle chiacchierate con gli amici alle canzoni preferite da cantare

La vera difficoltà di molti italiani con l’inglese sta nel parlarlo con una certa fluenza: colpa soprattutto di come le lingue vengono insegnate a scuola ma, anche, dell’eccessiva preoccupazione di non fare strafalcioni grammaticali che rende il tutto più ingessato e macchinoso.
Per questo quello che cercano molti professionisti che hanno bisogno di padroneggiare la lingua per poter trattare con i propri clienti o sostenere in tutta tranquillità anche le presentazioni aziendali sugli argomenti più tecnici è soprattutto come esercitarsi a parlare in inglese.
La pratica quotidiana, meglio se in un posto in cui sia l’unica lingua ufficiale e comprenderlo e parlarlo diventa indispensabile, è certamente ciò che funziona di più.
Per chi e quando – come adesso, per via delle restrizioni anti-contagio – sia impossibile traferirsi anche momentaneamente all’estero ci sono però dei semplici esercizi per allenare l’inglese.
 
 Tre metodi (infallibili) per esercitarsi a parlare inglese  
Come parlarlo con gli amici, a tavola, durante le uscite, anche nel corso delle più quotidiane tra le conversazioni.
Si tratta, letteralmente, di decidere che per un intero pomeriggio si parlerà solo in inglese, ognuno per quello che è il suo livello e sforzandosi di trovare vocaboli ed espressioni migliori per tutto ciò che si ha bisogno di dire.
Certo esercitarsi a parlare inglese in questo modo sulle prime può sembrare (parecchio) strano, soprattutto se amici o coinquilini con cui lo si fa sono anche loro madrelingua italiani; non è detto, tra l’altro, che sia possibile in questo caso approfittarne anche per migliorare la propria pronuncia, per esempio, o arricchire il proprio vocabolario: il livello della conversazione potrebbe essere, infatti, piuttosto elementare.
L’ideale sarebbe rivolgersi ad amici e conoscenti che parlano inglese come prima lingua, perché no chiedendo loro di far finta di non comprendere affatto l’italiano: la necessità di interagire gioverà di certo alle proprie capacità di speaking.
 
 L'alternativa è quella tradizionale  
L’alternativa rimane, naturalmente, acquistare un pacchetto di lezioni o dei corso d’inglese su Preply che prevedano esplicitamente delle ore dedicate ad allenare la conversazione.
Per esercitarsi a parlare inglese ideali sono soprattutto le lezioni individuali in cui insegnanti o tutor interagiscono con l’alunno, gli correggono la pronuncia se necessario, gli suggeriscono delle liste di parole da imparare anche a seconda dei macro-temi su cui è più facile ci si trovi a conversare in inglese.
Nel caso delle lezioni collettive, invece, più comune è che come esercizi per allenare l’inglese siano assegnati alla classe dei topic piuttosto generici sui cui prepararsi in vista di un momento di conversazione di gruppo.

 Ma serve molto anche cantare  
Può sembrare banale, infine, ma un buon trucco per esercitarsi a parlare inglese è cantare non tanto le proprie canzoni preferite, quanto delle canzoni nuove.
Con il testo alla mano e dopo averle riascoltate più volte, ci si può mettere alla prova e verificare quanto fluentemente le si riesce a intonare: che ritmo e accompagnamento musicale aiutano a imparare le lingue è, del resto, ormai una certezza tra gli addetti ai lavori. Una buona idea sarebbe, tra l’altro, registrarsi e riascoltarsi, anche eventualmente abbassando la velocità di riproduzione, per rendersi meglio conto dei propri errori più frequenti e che, se sono fastidiosi quando si canta, rischiano di rendere praticamente insostenibile una conversazione.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande