Home | Arte e Cultura | Decisione della Giunta su proposta dell'assessore Bisesti

Decisione della Giunta su proposta dell'assessore Bisesti

Sostegni allo spettacolo: ampliata la platea dei potenziali beneficiari in Trentino

Modificati i criteri per la concessione dei contributi provinciali previsti dal Fondo straordinario a sostegno dell'ambito dello spettacolo, istituito per venire incontro alle esigenze di questa particolare categoria imprenditoriale, particolarmente colpita dalle misure per il contrasto alla Pandemia da Covid-19.
La delibera approvata oggi dalla Giunta, su proposta dell'assessore alla cultura Mirko Bisesti, ha elevato da 1,5 milioni di euro a 4 milioni il limite massimo del volume annuale di affari, al fine di ampliare la sfera dei beneficiari.

I soggetti che potranno fare richiesta del contributo a fondo perduto saranno quindi tutti gli operatori economici dello spettacolo - costituiti anche in forma di associazione - ed inoltre tutti i professionisti in possesso di partita Iva nonché i lavoratori del settore con contratto di lavoro discontinuo o intermittente che hanno svolto un'attività su base annua per un volume di affari compreso fra i 10.000 euro e i 4 milioni.
Le risorse disponibili sono pari a 50.000 euro.

I requisiti per accedere al contributo - oltre a quelli economici già citati - sono la sede legale o la residenza in Trentino e l'avere subito un danno a causa dell'epidemia da Covid 19.
Le domande possono essere presentate dal 13 al 19 dicembre con consegna diretta presso il Servizio attività e produzione culturale o via mail al serv.attcult@pec.provincia.tn.it assieme alla  modulistica presente all'indirizzo www.modulistica.provincia.tn.it.
 
 Il contributo a fondo perduto, lo ricordiamo, è in sintesi così modulato:  
- 1.500 euro per i professionisti e i lavoratori a contratto;
 
 Per gli operatori economici:  
- 1.500 euro fino a 44 giornate contributive nel 2019;
- 200 euro da 45 a 200 giornate;
- 3.500 da 201 a 400 giornate;
- 5.000 per più di 400 giornate contributive.

Per i gestori di sale cinematografiche l'importo corrisponde al 70% dei mancati incassi fino a un massimo di 20.000 euro per chi gestisce fino a 3 sale, e di 35.000 euro per chi gestisce più di 3 sale.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande