Home | Arte e Cultura | Nasce l’Associazione «Bosco dei Poeti»

Nasce l’Associazione «Bosco dei Poeti»

«Se una pianta non avesse radici, non potrebbe levarsi al cielo» – Alda Merini

Nasce su solide radici l’Associazione Bosco dei Poeti che viene presentata venerdì 4 marzo a ore 18.00 al MART Museo d’arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto.
Associazione di promozione sociale ha 34 soci fondatori poeti, insegnanti, pittori, imprenditori, gente comune, impegnati tutti nella cultura e nella promozione sociale.
Un’associazione che vuole essere aperta a famiglie, scuole, istituzioni, artisti in una condivisione tra Arte e Natura.
Il bosco ha tre sedi: una, in località Vergnana a Dolcè sul confine della provincia di Verona, si compone di 130 ettari, 12 chilometri di comodi sentieri con 1.000 opere di 600 artisti; un Centro Visitatori a Peri (VR) e un Atelier per artisti a Castello Tesino.
 
Presidente dell’Associazione è il Generale in Riserva Isidoro Furlan dei Carabinieri Forestali. Il Bosco dei Poeti nasce un pomeriggio d’estate del 2002 dall’intuizione del critico e viaggiatore in Arte, Luigi Serravalli e dalla volontà della famiglia Menguzzato.
A oggi gli Artisti coinvolti nel percorso e nei progetti sono oltre 1.500.
Particolare attenzione è stata riservata all’attività didattica «Millefrutti Scuole» con oltre 100 lezioni e laboratori tenute da artisti e poeti per scuole dell’infanzia, primarie e secondarie o superiori, calibrate sull’esigenza del programma e in accordo con i docenti.
Ospitalità viene data ad associazione e gruppi desiderosi di approfondire le tematiche legate all’Arte e alla Natura.
 
Il Bosco dei Poeti ha realizzato e collaborato a un’intensa attività espositiva in Italia e all’estero. Dal 2014 è stato costituito un deposito/archivio presso il MART Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto: la testa nel tempio dell'Arte, il cuore nel bosco formano un corpo unico nella Natura.
Il Bosco dei Poeti a oggi 25 anni e la nascita dell’Associazione Bosco dei Poeti sono contemporaneamente memoria e progetto perché come ha scritto Alda Merini senza le radici non c'è futuro.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande