Home | Arte e Cultura | In scena al Teatro Cuminetti gli attori trentini… do Brasil

In scena al Teatro Cuminetti gli attori trentini… do Brasil

Sarà in scena la Compagnia di Teatro Dialettale «Anima Trentina», di Nova Trento (Brasile), interpretata da Loredana Cont: «L'usel del marescial»

image

Un testo in dialetto trentino messo in scena da una Compagnia filodrammatica brasiliana.
Tranquilli, non è un pesce d'aprile! Lo spettacolo in calendario per domenica 1 aprile al Teatro Cuminetti di Trento rappresenta invece un'occasione da non perdere per applaudire i discendenti degli emigranti trentini che, avviando questa esperienza teatrale, hanno inteso consolidare il legame con la patria dei loro avi e favorire la conservazione del dialetto presso le comunità trentine del Brasile.
 
La compagnia trentino-brasiliana «Anima Trentina», che porterà in palcoscenico la commedia brillante di Loredana Cont «L'usel del marescial», è stata fondata nel 2007 a Nova Trento nello Stato di Santa Catarina da Rosemeri Tridapalli Montibeller e Rino Montibeller che si sono dati da fare per recuperare, per quanto era possibile, i suoni originali del dialetto trentino, anche intervistando diversi anziani che conservavano un ricordo più vivo della lingua.
Nel sud del Brasile, infatti, vive una nutrita comunità di discendenti trentini che, seppure alla quinta generazione, cerca di mantenere il legame culturale con la terra d'origine e la lingua dei propri avi.
 
«L'usel del marescial» è la commedia più nota e più rappresentata di Loredana Cont, messa in scena nell'arco di quindici anni da oltre sessanta compagnie, in molte regioni d’Italia e anche all’estero.
Ne è la prova la Compagnia brasiliana di Nova Trento che presenta il suo «Usel del Marechalo» in un dialetto trentino non primo di cadenze e inflessioni brasiliane, ma che proprio per questo risulta unico e particolarmente interessante.
 
Il testo, costruito con bonaria malizia a partire dal titolo, contempla la vicenda di un pennuto esotico, di proprietà dei Carabinieri che improvvisamente sparisce e va a finire nella casa di Silvio, distillatore di grappa di frodo, che ha la necessità di tenere lontano da casa i Carabinieri che stanno svolgendo le indagini.
Le donne di famiglia, Lidia e Costanza, cercando di tenere nascosta la verità, complicano la situazione e l’uccello tropicale finisce in padella, scambiato per un fagiano, e viene servito a pranzo al Brigadiere.
  
Come nelle più classiche commedie popolari, fra alti e bassi tutto finisce bene, passando attraverso equivoci e colpi di scena che catturano l’interesse dello spettatore con battute incalzanti e di grande effetto come è nello stile dell’autrice, in un crescendo di genuino divertimento.
 
La Compagnia «Anima Trentina», in Trentino per una tournée che si protrarrà fino alla prima decade di aprile, si avvale per la messa in scena dello spettacolo dell'allestimento scenografico realizzato dalla Filodrammatica «Tra ’na roba e l’altra» di Cavrasto.
Domenica primo aprile il pubblico potrà accedere al teatro Cuminetti gratuitamente. 
 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande