Home | Arte e Cultura | Le nuove sfide linguistiche dell’«Aisciuda Ladina»

Le nuove sfide linguistiche dell’«Aisciuda Ladina»

Festeggia dieci anni il festival dedicato a lingua e cultura di minoranza e lo fa con appuntamenti, dal 2 al 6 maggio, che vedono protagonisti anche i «nuovi parlanti»

Una «Aisciuda Ladina» di grande apertura, sia perché vede come protagonista chi non è ladino ed è interessato a lingua a cultura locali, sia perché gli appuntamenti, previsti dal 2 al 6 maggio prossimi, si tengono in luoghi, un po’ inusuali per la rassegna, quali agritur, hotel, bar e pure i prati del Passo Sella.
La decima edizione del festival dedicato a lingua e cultura di minoranza promosso dal Comun general de Fascia, dopo aver indagato negli anni precedenti le diverse forme di espressione quotidiana della cultura ladina, tenendo conto di storia e tradizioni antiche ma mostrando anche singolare attenzione alle declinazioni della contemporaneità, compie l’ennesimo passo in avanti: si cala ancor più nella realtà valligiana, che conta la presenza di tante persone non ladinofone ma assolutamente interessate alla cultura di minoranza e ben inserite nella comunità.
Una «contaminazione» o meglio un’accoglienza - lo slogan dell’edizione recita «L ladin à besegn ence de te» (Il ladino ha bisogno anche di te) - che può rivelarsi una sfida così come una risorsa per la diffusione e il futuro dell’idioma.
 
Ecco che l’inaugurazione dell’Aisciuda il 2 maggio alle 17 all’Active Hotel Olympic di Vigo (prenotazione entro il 27 aprile al numero 0462 764500 dei Servizi Linguistici del Comun general de Fascia) fa il punto sui corsi, promossi in occasione della rassegna, che hanno ottenuto straordinario riscontro, con oltre un centinaio di persone impegnate con entusiasmo, tra marzo e aprile, in lezioni e attività di: cucina, decorazione e scultura, scrittura creativa, storia e fiori di carta.
L’iniziativa ha visto la formazione di gruppi eterogenei, di ladini e non, in cui l’idioma di minoranza è diventato la forma espressiva indispensabile per lo svolgimento delle attività. Tra le diverse restituzioni, il 2 maggio, ci sarà anche il buffet preparato da chi ha frequentato il corso di cucina con lo chef stellato Stefano Ghetta.
 
Dopo questo primo momento dalle note conviviali, acquista invece carattere scientifico l’approfondimento e il laboratorio sui nuovi parlanti, il 3 maggio alle 17 all’agritur El Mas di Moena, proposti da Fernando Ramallo, professore di linguistica all’Università spagnola di Vigo, dal titolo «Il fenomeno dei nuovi parlanti e le sue conseguenze sociologiche e linguistiche. Un’opportunità per le lingue di minoranza? Ricerche, esperienze, dubbi e opportunità per il futuro del linguaggio».
Il 4 maggio, alle 17 alla Baita Ischia di Campitello, l’incontro è dedicato ai ragazzi, ma non solo, con la presentazione del libro di Alberta Rossi, accompagnata dall’illustratrice Elena Corradini, «La Val di Fassa tra fantasia e realtà».
Il 5 maggio, l’Union di Ladins de Fascia dà appuntamento alle 15 al Passo Sella, per ricordare la nascita - il 5 maggio del 1920 - della bandiera ladina dei tre colori, simbolo dell’unione dei ladini.
Infine, il 6 maggio alle 11 a Campitello, si può partecipare all’inaugurazione del «Stont», l’imperial regio casino di bersaglio, nuova sezione sul territorio del Museo Ladino di Fassa, unico esempio rimasto in valle del luogo di allenamento per la milizia popolare che in passato difendeva i confini del Tirolo.

 La neva endesfides del lengaz de la «Aisciuda ladina» 

L festejea diesc egn l festival de lengaz e cultura de mendranza, e l fèsc chest tant con apuntamenc, dal 2 ai 6 de mé, che à desche protagonisć ence i «neves locutores»

Na «Aisciuda Ladina» che se averc trop: percheche l’à desche protagonisć chi che non é ladins, ma i é enteressé al lengaz e a la cultura del post, e percheche i apuntamenc, pervedui dai 2 ai 6 de mé che vegn chest an i é te lesc mingol fora de anter, desche agritur, hotìe, bar e enscinamai i pré del jouf de Sela.
La diéjema edizion del festival del lengaz dedicà a lengaz e cultura de mendranza metù a jir dal Comun general de Fascia, dò aer enrescì fora chisc egn passé la desvaliva vides de esprescion de ogne dì de la cultura ladina, conscidran se sà ben la storia e la tradizions antiches, ma palesan ence atenzion per i desferenc elemenc de la cultura ladina da anchecondì l fèsc n vèrech inant: l va ite amo de più te la realtà de la val, olache l’é tropa jent foresta e non ladinofona, ma de segur enteressèda a la cultura de mendranza e che se à fat ite te la comunanza.
 
Na «contaminazion» o miec n azet (l slogan de l’edizion da chest an l disc apontin «L ladin à besegn ence de te») che se pel palesèr desche na endesfida ma ence desche na ressorsa per sparpagnèr fora l lengaz e per sie davegnir.
La inaudazion de l’Aisciuda la sarà ai 2 de mé da les cinch da sera aló da l’Active Hotel Olympic de Sèn Jan; per tor pèrt a la scomenzadiva vegn domanà de se scriver ite dant che sie fora i 27 de oril telefonan te Comun general de Fascia al numer 0462 764500 - Servijes Linguistics e Culturèi.
Enlouta vegnarà portà dant chel che l’é stat lurà fora ti corsc, metui a jir delaìte de la rassegna, che i à abù na responeta delbon straordenèra, con passa cent persones che à tout pèrt con gran gaissa, anter mèrz e oril, a lezions e ativitèdes de: cojina, decorazion e scultura, schertura creativa, storia ladina e fiores de papier.
 
La scomenzadiva à vedù la formazion di gropes desvalives, con ite ladins e no ladins, olache l lengaz de mendranza l’é stat esprescion indispensabola per fèr la ativitedès. Anter i resultac di corsc, ai 2 de mè, vegnarà metù dant ance l buffet endrezà da chi che è tout pèrt ai corsc del chef co la steila Michelin Stefano Ghetta de Martin.
Dò chest moment gustégol, l’é enveze de valuta scientifica l’aprofondiment e l laboratorie en cont di «neves locutores», ai 3 de mé da les cinch da sera te l’agritur El Mas de Moena, endrezà da Fernando Ramallo, professor de linguistica te Università de Vigo (Galicia, Spagna), dal titol «L fènomen di neves locutores e sia conseguenzes soziolinguistiches e linguistiches. Na endesfida per i lengac de mendranza? Enrescides, esperienzes, dubies e oportunitèdes per l davegnir del lengaz».
 
Ai 4 de mé, da les cinch da sera te la Baita Ischia de Ciampedel, la scontrèda la vegn dedichèda ai bec, ma no demò, con la prejentazion del liber de Alberta Rossi «La Val di Fassa tra fantasia e realtà», a chela che tolarà pèrt ence la dessegnadora Elena Corradini.
Ai 5 de mé, l’Union di Ladins de Fascia dèsc apuntament da les trei do marena sun jouf de Sela, per l cedean de canche - ai 5 de mé del 1920 - l’é nasciù la banidera ladina dai trei colores, simbol de l’unità di Ladins.
Tinùltima, ai 6 de mé da les unesc a Ciampedel, se pèl tor pèrt a l’inaugurazion de l «Stont», neva sezion sul teritorie del Museo Ladin de Fascia, soul ejempie restà te val che recorda olache i Scìzeres, la milizia populèra da zacan, jia a ge trèr al tulac col schiop per se arcedèr a defener, tel besegn, i confins del Tirol.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni