Home | Arte e Cultura | Si è spento l’amico e collega Paolo Manfrini

Si è spento l’amico e collega Paolo Manfrini

Rossi: «Ideatore di tante iniziative che hanno dato notorietà e prestigio al Trentino»

image

>
La scorsa notte ci ha lasciati Paolo Manfrini.
Roveretano, classe 1950, Manfrini ha iniziato a lavorare come giornalista tra gli anni Settanta e Ottanta.
Nel 1987 il passaggio all'APT del Trentino come responsabile dell'ufficio stampa, incarico ricoperto fino al 2003.
Dal 2003 responsabile delle relazioni esterne della neonata Trentino Marketing, di cui nel 2011 è diventato direttore generale.
Dopo l'incorporazione di Trentino Marketing in Trentino Sviluppo ne diventa il responsabile della Divisione turismo e promozione.
In seguito al nuovo scorporo ne diventa poi amministratore unico, ruolo ricoperto fino al 2015.
 
È stato l'ideatore e il curatore di numerose importanti rassegne culturali in Trentino.
Innanzitutto, nel 1981 ha fondato il Festival Oriente Occidente, rassegna internazionale di danza contemporanea.
Nel 1989 ha ideato e diretto artisticamente per dieci anni la rassegna di teatro, musica e danza «Se in Trentino d'Estate un Castello», ambientata in oltre quaranta castelli trentini, con la presenza di artisti europei di chiara fama.
Dal 1994 al 1998 ha curato Dalla Guerra alla Pace, ciclo d'incontri e manifestazioni spettacolari dedicate alle memorie della prima guerra mondiale e, in particolare, alla valorizzazione del Sentiero della Pace, lungo itinerario nel segno del turismo ecologico e dell'amicizia tra i popoli, che percorre il fronte trentino italo-austriaco del 1915-18.
Nel 1995 ha creato «I Suoni delle Dolomiti», originale festival di musica in quota che ha portato fra le montagne del Trentino grandissimi artisti da tutto il mondo.
 
«Grazie al suo impegno e alla sua creatività, ha dato un contributo importante alla crescita del Trentino, nella sua dimensione turistica e culturale, – scrivono in una tota il presidente della Provincia, Ugo Rossi e l'assessore Michele Dallapiccola. – Fondatore del Festival Oriente Occidente, è stato l’ideatore, instancabile, di tante iniziative e manifestazioni di rilevo internazionale, che hanno dato notorietà e prestigio al territorio, fra cui I suoni delle Dolomiti e Se in Trentino d'Estate un Castello.
«Nel 2016 era stato insignito del Sigillo di San Venceslao, una delle più importanti onorificenze della Provincia (foto in basso).

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone