Home | Arte e Cultura | Spettacoli | Sconfinamenti 2022: La danza verticale in Val di Gresta

Sconfinamenti 2022: La danza verticale in Val di Gresta

Torna la rassegna «Sconfinamenti», iniziativa che porta la danza nella natura

image

 
Sconfinamenti porta la danza negli spazi naturali e guida il pubblico, attraverso performance e passeggiate, alla scoperta del territorio della Vallagarina. Dopo la versione primaverile, la rassegna organizzata da Oriente Occidente in collaborazione con Apt Rovereto, Vallagarina e Monte Baldo torna per due date autunnali.
Si inizia nel pomeriggio di domenica 25 settembre quando la compagnia di danza verticale Il Posto danzerà sulle rocce della falesia di Manzano, in Val di Gresta. La performance, dal titolo To the moon and back – Quando la montagna coincide con il cielo è un lavoro ispirato al surrealismo in cui i danzatori si muovono leggeri e allo stesso tempo saldamente collegati alle pareti rocciose, che contrastano il guizzo energico del volo. Ad accompagnare la danza verticale anche la musica live, che gioca su interferenze tra elettronica, jazz e musica classica.
 
Ispirato al tema del sogno, lo spettacolo propone immagini che ricordano i quadri surrealisti di Magritte, De Chirico e Dalì, invitando il pubblico a guardare a una realtà diversa che esiste solo in un universo intoccabile, dove la natura e l’essere umano vivono in armonia.
È proprio la ricerca tra esseri umani e natura al centro dell’intera rassegna Sconfinamenti che, iniziata con due appuntamenti primaverili, prosegue nella stagione autunnale attraversando spazi naturali della Val di Gresta e del Lago di Cei.
Il pomeriggio di domenica inizierà alle 15 all’ingresso della frazione di Manzano dove è previsto il ritrovo per partecipare alla passeggiata divulgativa dal titolo Le rocce della Val di Gresta, storia di una valle in movimento tra antichi mari e ghiacciai perduti. Conduce l’escursione Alberto Stinghen, accompagnatore di media montagna e geologo, che racconterà l’evoluzione geologica della zona e guiderà il pubblico ad osservare le rocce.
 
L’itinerario si sviluppa per circa due ore su tranquilli sentieri attraverso la frazione di Corniano, l’antica chiesetta di Sant’Agata e i ruderi di Castel Frassem, tra panorami tipici della media montagna delle Prealpi trentine.
La passeggiata arriva alla falesia di Manzano, dove andrà in scena la performance al termine della quale è prevista una merenda pic-nic a cura dell’Associazione Castel Frassem con strudel di mele e succo di frutta.
Il secondo appuntamento autunnale della rassegna è in programma per il 9 ottobre a Malga Cimana con la performance itinerante DislocActions – Un solo respiro di Marco Chenevier.
Per entrambe le date le prenotazioni sono disponibili online sul sito visitrovereto.it.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande