Home | Arte e Cultura | Spettacoli | «Pangea - musica senza confini» sabato 16 marzo

«Pangea - musica senza confini» sabato 16 marzo

Al Nuovo Teatro di S. Giacomo di Laives Gianni Ghirardini con il suo singolare set di chitarre

image

Gianni Ghirardini - Ph. Stefano Odorizzi.
 
Sonorità etniche ad ampio respiro - dalle melodie indiane ai ritmi africani, dai temi tribali alla musica celtica, - dimensioni meditative viranti al blues-rock, suggestioni oniriche; e ancora, eleganti e briosi inserti di danza, accompagnamento d’immagini.
Il tutto, coniugato a un cast artistico d'alto profilo.
Questi gli elementi fondanti di «Pangea – Musica senza confini», l’imperdibile viaggio musicale che aspetta il pubblico al Nuovo Teatro di S. Giacomo di Laives sabato 16 marzo, con inizio alle ore 20:30 e ingresso libero.
 
Sul palco, il fantasioso chitarrista bolzanino di origine vipitenese Gianni Ghirardini con il suo singolare set di chitarre (fra cui un «dobro», una «mohan veena» e altre sorprese) e un pool di colleghi artisti di pari caratura... i suoi Friends:
- Max Castlunger alle percussioni etniche,
- Jack Alemanno con la sua originale batteria,
- Werner «Haifisch» Heidegger al basso acustico e elettrico,
- Lorenzo Barzon al violino,
- Pietro Berlanda ai flauti,
 
Gli «special guests»
- Felice Bruni al sitar indiano,
- Annika Borsetto alla voce
 
I ballerini Christian Balzamà e la giovanissima Jil Saccani con le loro coreografie di «Irish tap dance» create ad hoc.
 
...PERCHÈ «PANGEA»?!
Immaginiamo di tornare indietro nel tempo di 290 milioni di anni. Ci troviamo perciò, secondo teorie scientifiche, nella «Pangea»: il supercontinente che univa tutte le terre emerse - la Laurasia a nord, la Gondwana a sud - in un unico blocco.
Osservando bene, riusciamo a intravedere in questo insieme qualcosa delle forme degli attuali continenti. E il bello è che possiamo muoverci da e verso luoghi che oggi chiamiamo Africa, Asia, Australia, Europa, America... senza attraversare mari.
Un unico grande oceano circonda infatti le terre emerse, la Panthalassa.
Ecco: proprio queste visioni sono passate per la mente creativa del noto chitarrista Gianni Ghirardini quando ha deciso di togliere confini e frontiere alla sua musica, e ha concepito il suo nuovissimo progetto artistico: «Pangea - Musica senza confini».
Messa a fuoco l'idea, Ghirardini ha chiamato i suoi «friends», ha rimodulato l’organico artistico rispetto al precedente, memorabile concerto a S. Giacomo «From the Blues to the World» di alcuni anni or sono e ha preso ad esplorare nuovi territori musicali e geografici, spingendosi anche a una dimensione interdisciplinare tramite l'aggiunta di coreografie su alcuni brani... con i risultati d'insieme che il pubblico potrà constatare.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone