Home | Arte e Cultura | Spettacoli | Il ricco bilancio di Pergine Festival 2019

Il ricco bilancio di Pergine Festival 2019

Pergine Festival raddoppia il numero di presenze e raggiunge i 14 mila partecipanti: una 44ª edizione di grande successo

image

Dama Vivente – Mario Cagol - Ph. Elisa Vettori.
 
Si chiude con un bilancio più che positivo la 44ª edizione di Pergine Festival:14mila presenze, duemila biglietti staccati e diversi sold-out.
Un'edizione dedicata alla comunità e alle sue connessioni con il mondo che ha saputo coinvolgere la comunità locale in una relazione con gli artisti e il loro lavoro, ma anche con lo spazio urbano e con le nuove visioni che di questo si sono proposte.
È un’edizione di grandi soddisfazioni quella appena conclusa per Pergine Festival, che vede raddoppiare le presenze rispetto agli ultimi anni.
Sono infatti circa 14 mila le persone che hanno partecipato alle numerose iniziative proposte dal programma del Festival perginese, che ha riempito la città dal 28 giugno al 13 luglio scorsi.
 
«Siamo davvero molto soddisfatti dei risultati che abbiamo ottenuto, – afferma la direttrice artistica Carla Esperanza Tommasini. – Vedere una grande partecipazione del pubblico, respirare un clima positivo in città, fare del Festival un luogo di incontro in cui artisti, la comunità locale, spettatori, operatori e appassionati si ritrovano è un motivo di grande orgoglio.
«La comunità e le sue connessioni globali era filo rosso che guidava il Festival ed è stato anche ciò che si è concretamente realizzato: questo non può che rappresentare per il Festival il raggiungimento di un obiettivo importante.»
 

Social Contact - Ph. Elisa Vettori.
 
Erano 16 gli eventi tra spettacoli, performance e installazioni, di cui tre realizzati da artisti selezionati attraverso il bando Open - Creazione [Urbana] Contemporanea e tre scelti tra i numerosi artisti emergenti italiani che hanno risposto alla call Supernova; nove tra concerti e dj set in piazza Fruet di generi musicali diversi, che spaziano dall'elettronica al rock, dal jazz al revival; un trekking urbano accessibile anche a un pubblico con disabilità; sette attività collaterali, fra cui la quarta edizione di «PAG - Pergine Arte Giovane» in cui sono state selezionati dieci artisti locali under 30 che hanno potuto realizzare le loro opere.
 
A questi numeri si aggiungono quelli di «Datti una mossa! Torneo di dama vivente» che ha visto la partecipazione di otto associazioni del territorio per un totale di oltre 104 giocatori figuranti, oltre a quelli di «Amour», lo spettacolo partecipativo di Dynamis che ha portato in scena 15 attori amatoriali autoctoni e di «Calcinculo» di Babilonia Teatri, che ha visto la partecipazione di una trentina tra coristi del Coro Castel Pergine del Coro Highlight e gli alpini del gruppo di Castagnè, oltre che di una decina di cani di Pergine accompagnati dai loro padroni.
 

Pergine Festival 2019 - Ph Giulia Lenzi.
 
I biglietti venduti sono stati circa duemila, con diversi sold-out.
Il tutto esaurito, con la presenza di 400 persone al Teatro Comunale, si è registrato per «Viaggio al termine della notte» di Elio Germano e Teho Teardo che hanno magistralmente interpretato il capolavoro letterario di Céline.
Ma sono stati sold-out anche «Oh, little man» del giovanissimo Giovanni Ortoleva, l’anteprima di Atto di adorazione del regista romano Dante Antonelli ispirato alle opere di Yukio Mishima e quella di «La Scimmia», il lavoro di Giuliana Musso in una riscrittura di Franz Kafka.
 
Grande successo anche per le performance in urbana e site specific: dal gioco urbano di Elisabetta Consonni, alle teste di fungo di Yao Liao in «By Mushrooms», passando per il visionario «Still Night» del duo Berlin, Nevada. Puntuale apprezzamento della critica, inoltre, per «After / Dopo», il progetto di Effetto Larsen, al suo debutto a Palazzo Crivelli.
 

Atto di adorazione - Ph. Elisa Vettori.
 
Un bilancio, quello dell'edizione numero 44, decisamente positivo, un segno importante nella storia del più longevo del festival trentini, che ha intrapreso lo scorso anno un percorso triennale dedicato ai temi della comunità.
Una scelta che appare ora – anche grazie ai risultati ottenuti - più che mai necessaria e apprezzata.
 
By Mushromms - Ph. ElisaVettori.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone