Home | Arte e Cultura | Lettere al Direttore | Lettere al direttore – Il comitato Antidegrado città di Trento/ 2

Lettere al direttore – Il comitato Antidegrado città di Trento/ 2

Cronaca di una notte annunciata. Tutto avanti disastrosamente, come sempre

Cronaca di una notte annunciata.
O meglio, di un’altra notte annunciata. Stanotte la piazza davanti al Liceo Coreutico è stata trasformata in una discoteca, con musica ad alto volume anche dopo le 24.00.
I due bar sono rimasti aperti servendo a tutti bevande alcoliche fino a tarda ora: la Scaletta di vicolo S. Maria Maddalena ha chiuso alle 2.00 e il Matrix alle 2.45.
Intorno alle 1.30 è scoppiata una rissa. I residenti esasperati hanno chiamato subito la polizia che però non è intervenuta per tutta la notte.
La gente è rimasta in piazza e il disturbo (vietato) alla quiete pubblica è cessato alle 2.50.
 
Tutto è stato documentato con foto e video inviati come sempre alle autorità ma le persone e le famiglie anche con bambini piccoli che abitano nelle case circostanti e ai quali è sistematicamente impedito il sonno, si chiedono se l’amministrazione comunale e le forze dell’ordine intendano prestare ascolto ai loro appelli.
In particolare, siamo rimasti sbigottiti nel leggere le incredibili dichiarazioni rilasciate alla stampa dal presidente di Confesercenti Peterlana in difesa dei pubblici esercizi che, in questo caso, sono palesemente complici della violazione dei regolamenti che vietano il disturbo alla quiete pubblica I titolari dei due bar se ne infischiano dei diritti fondamentali dei residenti e dei danni all’ambiente urbano causati dalla vendita di alcolici a basso prezzo nei loro locali, che considerano una fonte di guadagno molto redditizia e irrinunciabile a prescindere.
 
Altro che presidio del territorio! Venga a verificare di persona, il signor Peterlana, una qualunque delle prossime notti (eccetto la domenica, quando i due bar sono chiusi) la compatibilità tra i problemi generati dall’apertura notturna dei due bar e il diritto al riposo di chi vive lì e non può dormire nonché gli effetti sulla pulizia delle strade e sui muri delle case.
Il Comitato Antidegrado della Città non smetterà mai di «disturbare» il Sindaco, la sindaca della notte, il Comandante della polizia locale, il Questore, il Commissario del Governo e gli organi di informazione, denunciando civilmente e a documentando visibilmente quel che accade quasi ogni notte sotto i nostri occhi.
Come non smetteremo di sollecitare il Primo Cittadino a emettere l’Ordinanza di chiusura dei due locali dalle 23.00 alle 6.00.
O si preferisce attendere, per decidersi a intervenire con i provvedimenti necessari, che questo stato di cose degeneri in violenza come stanotte, analogamente a quel che è avvenuto alla Portela?

Il comitato Antidegrado città di Trento

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande