Home | Arte e Cultura | Mostre | «Canale. Oltre il tempo»: in mostra a Canale di Tenno

«Canale. Oltre il tempo»: in mostra a Canale di Tenno

Aperta dal 12 settembre al 14 novembre alla Casa degli Artisti «Giacomo Vittone»

Un salto indietro nel tempo di oltre quarant’anni che recupera dal passato una traccia storica nitida e inaspettata. Immagini in bianco e nero che ritraggono i luoghi e le persone con la spontaneità e l’immediatezza di due giovani studenti animati dal desiderio di incontrare, di conoscere, di esplorare. Due giovani alla cui curiosità appassionata gli abitanti del tempo, i pochi rimasti prima della trasformazione degli anni Ottanta del Novecento, spalancarono le porte di casa, offrendo volentieri e con slancio i propri ricordi, in parte riportati in mostra.
Dalle inquadrature, dalla scelta dei soggetti e da svariati dettagli si coglie la voglia di conoscere e di esplorare di Luca e Antonio, ragazzi provenienti dal movimento cittadino (sono entrambi di Padova) che si immergono nei vicoli acciottolati del borgo, all’epoca quasi abbandonato, nei suoi silenzi e nel mistero seducente di un passato denso e incombente.
 

 
Oggi di quegli scatti apprezziamo il dettaglio e lo slancio, che danno forma a un mosaico di immagini e parole di grande valore storico e umano.
Ancora una volta è lo sguardo esterno, forestiero, estraneo - lo stesso che rapì Giacomo Vittone nel suo vagabondaggio creativo nelle frazioni abbandonate del Tennese - a cogliere ciò che è inscritto nel paesaggio di Canale.
Un luogo che racconta la sua storia nelle architetture in pietra, nella struttura dei vicoli che seguono l’andamento del terreno salendo verso i prati e il bosco, nel silenzio delle mezze stagioni, negli antri nascosti da ritagli di un’ombra scura eppure dolce, nei portoni di legno antico. La Casa degli Artisti, da quando è stata inaugurata nel 1967, è il luogo che rappresenta l’incontro tra il passato (conservato nelle mura e in ogni angolo dell’edificio) e il presente.
 

 
Un luogo-ponte aperto al pubblico e al pensiero artistico, che è stato alla base dell’interesse per il borgo, sbocciato a partire dal dopoguerra e cresciuto fino ai giorni nostri.
Un’intuizione straordinaria per i tempi, che non si sarebbe realizzata se non dentro il desiderio di ritornare alla bellezza, all’arte e alla poesia dopo i due terribili conflitti mondiali.
La rinascita di Canale è l’esito dell’intuito e del contributo concreto di chi ha saputo scorgere nell’abbandono una possibilità di rinascita, dentro un desiderio collettivo e per un obiettivo plurale. Qualcosa che questa mostra vuole ravvivare e far splendere.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni