Home | Arte e Cultura | Musei | «Oltre la secolarizzazione. Fra disincanti e nuovi incanti»

«Oltre la secolarizzazione. Fra disincanti e nuovi incanti»

Venerdì 23 ottobre alle ore 18.00, nella sede del Muse, Massimo Cacciari e Andrea Riccardi terranno due distinte lezioni sull'Europa

image

 >
Il filosofo Massimo Cacciari e lo storico Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di Sant'Egidio, saranno tra i protagonisti del Festival «Oltre la secolarizzazione» nella sua prima edizione «Fra disincanti e nuovi incanti», in programma a Trento venerdì 23 e sabato 24 ottobre, per iniziativa dell'Istituto Superiore di Scienze Religiose Romano Guardini (Diocesi di Trento) e delle Edizioni Dehoniane Bologna (EDB).
Al centro della riflessione - una decina i relatori, divisi tra Museo delle Scienze e Castello del Buonconsiglio - il fenomeno religioso, la sua manifestazione e la sua incidenza nell’attuale contesto storico, politico, sociale, partendo da un inquadramento europeo, per giungere ai riflessi sulle comunità territoriali.

Venerdì 23 ottobre alle ore 18.00, nella sede del Museo delle Scienze di Trento, Massimo Cacciari e Andrea Riccardi terranno due distinte lezioni sull'Europa esaminando, in particolare, l'impatto sociale del fenomeno religioso.
Il giorno seguente, sabato 24, dalle ore 9.00 alle 13.00, nel Castello del Buonconsiglio, sono in programma due tavole rotonde. La prima, dal titolo «Post-secolarizzazione. Il ritorno del Dio respinto», vedrà a confronto Paolo Costa, ricercatore della Fondazione Bruno Kessler di Trento; Luca Diotallevi, professore ordinario di Sociologia all'Università di Roma Tre e Kristina Stoeckl, professoressa ordinaria di Sociologia presso l'Università di Innsbruck. Modera Cinzia Toller (TGR Trento).
 
A seguire, altro stimolante confronto con Paola Bignardi, membro del Comitato esecutivo dell’Istituto Toniolo e già presidente di Azione Cattolica; Giovanni Filoramo, professore ordinario di Storia del Cristianesimo all'Università di Torino e Presidente del Centro di Scienze delle religioni presso lo stesso Ateneo e il sociologo p. Giovanni Dalpiaz, priore dell'eremo San Giorgio a Bardolino. Modera: Alessandro Zaccuri (Avvenire – TV2000).
«Proporre di andare “oltre la secolarizzazione”, come abbiamo titolato il Festival – motiva don Stefano Zeni, direttore dell’ISSR Guardini –, significa offrire un’occasione di pensiero e di confronto sul ruolo delle religioni nei nuovi scenari sociali, culturali e antropologici. I processi di radicale trasformazione a livello demografico, politico, economico e tecnologico pongono domande nuove alle persone e alle comunità in relazione al loro legame con la dimensione religiosa.»
Domande che prova a concretizzare Michele De Lillo, direttore generale del CED, che gestisce il marchio di EDB: «Il senso del religioso può aiutare tutti noi a riconoscere nell’Europa una comunità di destino? A ritrovare un legame tra “individuo” e “comunità”? Ad orientarci nella terra nuova della post secolarizzazione? A dare nuova vitalità ad una democrazia sempre meno partecipata? Ad attenuare il senso di una convivenza che rischia di essere un insieme di solitudini?»
 
«L' idea di un confronto aperto e approfondito sulle sfide e le opportunità che questo "cambiamento d'epoca" apre per l'esperienza religiosa – argomenta don Andrea Decarli, delegato per l’Area Cultura della Diocesi di Trento –, è quanto mai opportuna anche per la nostra Chiesa, impegnata in un cammino di rinnovamento missionario, per essere Chiesa in uscita, capace di offrire il proprio contributo alla costruzione di quella fraternità universale a cui ci ha recentemente richiamato papa Francesco con la sua enciclica.»
«Pensiamo che Trento, soprattutto una volta scongiurata la pandemia, possa essere – chiosa don Zeni – il luogo adatto per proseguire anche nei prossimi anni questa riflessione. Lo è per la sua storia di terra di confine non solo geografico e per gli investimenti in conoscenza che da decenni la comunità locale ha messo al centro delle proprie strategie di futuro.»
 
  NOTE ORGANIZZATIVE 
A causa dell’emergenza Covid, I posti in sala saranno limitati, con obbligo di prenotazione gratuita all'indirizzo internet https://www.dehoniane.it/eventi/trento-festival-oltre-la-secolarizzazione-fra-disincanti-e-nuovi-incanti

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni