Home | Arte e Cultura | Musei | Musei provinciali dell'Alto Adige: i numeri dell'anno 2020

Musei provinciali dell'Alto Adige: i numeri dell'anno 2020

I dieci Musei nell’anno 2020 hanno registrato 287.641 ingressi, meno 66 percento rispetto al 2019

image

Castel Trauttmansdorff - Foto Stefano Scatà.

Per i dieci musei gestiti dalla Provincia Autonoma di Bolzano tramite l’Azienda Musei provinciali, il 2020 era iniziato come sempre: per le strutture aperte tutto l'anno, ovvero il Museo Archeologico dell'Alto Adige con la sua popolare mummia Ötzi e il Museo di Scienze Naturali dell'Alto Adige, la stagione è iniziata come di consueto già a gennaio, mentre gli altri otto musei si stavano preparando per la nuova stagione, che avrebbe dovuto iniziare intorno a Pasqua.
Le cose però, notoriamente, sono andate diversamente: La prima chiusura dei musei è durata dall'inizio di marzo a metà maggio, durante l'estate e fino alla fine di ottobre i musei hanno lavorato in modo relativamente normale, seguendo naturalmente i rigidi protocolli del caso, poi la seconda chiusura forzata (che dura fino ad oggi).
La passata stagione museale quindi è durata solo pochi mesi ed il numero degli ingressi ovviamente ne ha risentito: sono stati 287.641, quelli registrati complessivamente nei dieci Musei provinciali, il che corrisponde ad un calo di circa il 66 per cento rispetto all'anno precedente (negli anni prima la cifra si aggirava quasi sempre tra gli 800.000 ed i 900.000).
 
Il Museo Archeologico si piazza, come sempre, al primo posto con 100.699 visite, segue il Touriseum con 60.547 ingressi.
«Quest'anno sono cambiate molte cose e, naturalmente, anche i musei ne hanno risentito», spiega il Presidente della Giunta provinciale ed assessore ai musei, Arno Kompatscher, «i musei finora si sono definiti attraverso l'interazione diretta con le persone, per mesi questo non è stato possibile in questa forma. Numerosi musei, non solo quelli provinciali, hanno dovuto trovare nuovi modi per raggiungere le persone e sono riusciti a farlo in modo molto creativo attraverso i media digitali - un approccio di mediazione che, nato dalla necessità, continuerà ad essere una preziosa aggiunta all'indispensabile esperienza di una visita museale anche in futuro.»
 
  Potenziamento dell’offerta digitale 
La pandemia ha spinto i musei a creare nuovi accessi per il pubblico e ad ampliare la loro offerta digitale, in parte già esistente.
Il Museo di Scienze Naturali è stato particolarmente attivo in questo senso, con circa 20 conferenze e visite guidate dal vivo (solo quella sul formicaio del museo del maggio scorso ad esempio ha ottenuto oltre 7.000 visualizzazioni durante l'anno).
Inoltre è stata offerta la possibilità di intraprendere un viaggio nel tempo virtuale attraverso 200 anni di storia del turismo, grazie al Touriseum, di vivere la storia dell'Alto Adige del XX secolo in un tour virtuale realizzato da Castel Tirolo, di conoscere il Museum Ladin con le sue due strutture a San Martino in Badia e a San Cassiano, di tornare ai tempi di Ötzi con il Museo Archeologico o di addentrarsi nella miniera di Predoi con l'app del Museo Provinciale Miniere.
 
Rimanendo in ambito virtuale, i musei inoltre hanno organizzato conferenze online e visite guidate dal vivo - con oltre 6.000 partecipazioni - presentato video sulle piattaforme dei social media, realizzato app, offerte didattiche virtuali, ecc.
Grande interesse per le visite virtuali sul tema di Ötzi è stato riscontrato anche nelle scuole degli Stati Uniti. Questo formato continuerà anche dopo la pandemia, consentendo di vivere l'esperienza di Ötzi anche a chi non è fisicamente in grado di visitare il museo.
I Musei provinciali hanno inoltre utilizzato i mesi di chiusura per effettuare lavori di manutenzione e di ristrutturazione, per continuare i progetti di ricerca e per lavorare su nuovi concetti e progetti educativi.
L'anno 2020, nonostante le porte chiuse per molti mesi, quindi non è stato una battuta d'arresto.
Tutte le informazioni sui Musei provinciali sono disponibili sul sito www.provincia.bz.it/museiprovinciali.

Ricostruzione dell'Uomo venuto dal ghiaccio - © Museo Ar cheologico dell'Alto Adige - Foto Ochsenreiter.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni