Home | Arte e Cultura | Musei | Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO: due incontri al MUSE

Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO: due incontri al MUSE

Bruno Zanon, Riccardo Tomasoni, Maria Bertolini e Alessandro de Bertolini in «Dolomiti. Fenomeni geologici e paesaggi umani»

Il riconoscimento delle Dolomiti quale Bene del Patrimonio Mondiale UNESCO costituisce una grande sfida, che assegna agli abitanti e ai visitatori il compito di tutelare e promuovere valori riconosciuti di interesse globale.
Siamo tutti chiamati a divenire «cittadini delle Dolomiti», assumendo l'impegno alla conoscenza, alla conservazione e alla valorizzazione di un Bene complesso, composto da formazioni geologiche, ecosistemi fragili, importanti patrimoni floristici e faunistici, luoghi vissuti da secoli da comunità che parlano lingue diverse e conservano culture e identità radicate.
Nei paesaggi delle Dolomiti, che oggi attraggono significativi flussi turistici, si rispecchiano una molteplicità di imprese alpinistiche, indagini scientifiche, elaborazioni culturali, produzioni letterarie, artistiche e cinematografiche che le rendono uniche.
 
Al MUSE, il 17 e 22 settembre, due incontri con il pubblico si propongono di valorizzare i paesaggi unici delle nostre montagne, ampliandone la conoscenza perché, come spiega il geologo del MUSE Riccardo Tomasoni «quali luoghi in continua evoluzione, le Dolomiti sono ambienti fragili e mutevoli e approfondirne la conoscenza è la via maestra per accrescere la consapevolezza che la bellezza e la vivibilità di questi paesaggi dipendono dalla salvaguardia di delicati equilibri».
 
Venerdì 17 settembre, Bruno Zanon del Comitato scientifico tsm | step Scuola per il Governo del Territorio e del Paesaggio, Riccardo Tomasoni, geologo del MUSE, Maria Bertolini, Servizi Educativi del MUSE e Alessandro de Bertolini, giornalista e ricercatore della Fondazione Museo storico del Trentino presenteranno i contenuti del libro «Le Dolomiti. Patrimonio Mondiale UNESCO» (ETS, 2021) come parte di un ampio progetto culturale che si propone di coniugare l’educazione al paesaggio, all’ambiente e al territorio con l’educazione alla cittadinanza.
 
«La pubblicazione Le Dolomiti. Patrimonio Mondiale UNESCO che accompagna la mostra che è stata allestita in questi mesi dal MUSE – spiega Bruno Zanon, curatore del volume - è un lavoro collettivo che raccoglie competenze e esperienze di più autori e istituzioni appartenenti alla «Rete della formazione e della ricerca scientifica» della Fondazione Dolomiti UNESCO. La pubblicazione va oltre la il riconoscimento UNESCO collocando il patrimonio nel più ampio contesto naturalistico, culturale e paesaggistico delle montagne più belle del mondo».
 
Mercoledì 22 settembre, invece, il giornalista e scrittore Marco Albino Ferrari, punto di riferimento per la divulgazione della cultura alpina, interpreterà il suo monologo dal titolo «Zigzagando tra le Dolomiti. Storie di uomini, animali e montagne».
Lo spazio dei Monti Pallidi come non è mai stato raccontato. Dal Brenta alle Dolomiti Friulane, un susseguirsi di incontri inattesi: volti, avventure, presenze selvatiche, simboli apparentemente distanti tra loro eppure legati da un filo invisibile. Vagando nel tempo e nello spazio.
 
«Faremo un viaggio immaginario nelle Dolomiti. E lo faremo perpetuando, come in un gioco della fantasia, quel passatempo antichissimo legato alla montagna che è il racconto orale, strettamente legato alla cultura montanara – racconta Ferrari. – Il filò (o la “veillà” valdostana) ha caratterizzato le lunghe notti invernali degli alpigiani fin dal Medioevo: era come un rito, che avveniva di sera quando tutta la famiglia si trovava intorno al fuoco, dal nonno al nipote, e il patriarca raccontava storie e leggende intrise di saggezza popolare, racconti spesso ammonitori per impaurire i bambini e farli rigare dritto.
Questa volta non faremo paura ai bambini, lo posso garantire. Parleremo della grande varietà umana che ha vissuto e che vive nelle valli dolomitiche, i problemi, le aspirazioni, e gli antichi retaggi che resistono da secoli. Il ritorno dei grandi predatori, la nascita delle alte vie, immagineremo gli sfalci di fine stagione e i preparativi per l’inverno. E speriamo di entrare tutti insieme in quella sottile ipnosi che ogni racconto riuscito sa provocare.»
 
I due eventi sono curati da MUSE e da tsm|step Scuola per il Governo del Territorio e del Paesaggio in collaborazione con la Fondazione Dolomiti UNESCO per la mostra «Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO. Fenomeni geologici e paesaggi umani».
Per prendere parte all’evento, a ingresso gratuito, è necessario registrarsi sul sito MUSE di Trento | Museo delle Scienze - biglietti di ingresso e eventi | Ticketlandia.
La serata verrà trasmessa in streaming anche sul profilo Youtube del MUSE.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni