Home | Arte e Cultura | Musei | Biodiversità in movimento al MUSE mercoledì 19 gennaio

Biodiversità in movimento al MUSE mercoledì 19 gennaio

Lo studio della migrazione degli uccelli in Italia alle ore 20.45, nella Sala conferenze

image

>
È da 25 anni che ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) e MUSE - Museo delle Scienze di Trento sono in prima linea nel Progetto Alpi, il programma di monitoraggio scientifico che studia il fenomeno della migrazione postriproduttiva attraverso la catena alpina. Iniziato nel 1997, il progetto ha permesso di inanellare 199 specie in 40 stazioni di inanellamento distribuite su tutto l’arco alpino. Due quelle trentine: Bocca Caset, in Val di Ledro, e Passo Brocon, tra Vanoi e l’altopiano del Tesino, gestite direttamente dai ricercatori del MUSE.
 


Mercoledì 19 gennaio 2022 alle 20.45, sia in presenza (qui il link per iscriversi) che in diretta Facebook, Fernardo Spina del Centro Nazionale Inanellamento di ISPRA parlerà dell’affascinante mondo dei migratori alati nell’incontro «Biodiversità in movimento. Lo studio della migrazione degli uccelli in Italia». L’evento è il primo appuntamento dell’anno della rassegna «Incontri al Museo per parlare di fauna», incentrati in questa nuova edizione sulla dimensione partecipativa dei monitoraggi faunistici e sulle reti di relazioni  che li rendono possibili.


 
Fernando Spina grazie alla sua esperienza internazionale di ricercatore e coordinatore del Centro nazionale di inanellamento, entrerà nel vivo dei progetti che ha coordinato e direttamente seguito come ISPRA e prima come Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica, soffermandosi sui luoghi dove la migrazione diventa spettacolo, quali le piccole isole in mezzo al Mediterraneo in primavera e i valichi e le zone umide nelle Alpi.
«Durante l'incontro – anticipa Spina - illustreremo il lavoro svolto dai tanti inanellatori e partecipanti che negli anni si sono susseguiti in uno dei più rilevanti progetti partecipativi, e che rientrano fra i più importanti esempi di Citizen Science. Dati e conoscenze importanti che rispondono alle richieste di conservazione dell'avifauna migratrice come previsto dalla Direttiva Uccelli UE e che ci aiutano a capire meglio come stanno cambiando gli equilibri del pianeta».
 

 
La serata sarà anche occasione per presentare la recente pubblicazione dedicata al Progetto Alpi, il programma di monitoraggio su scala alpina che ISPRA insieme al MUSE sta conducendo da 25 anni.
Modera l'incontro Paolo Pedrini, conservatore Zoologia dei Vertebrati del MUSE.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande