Home | Arte e Cultura | Scienze | Due settimane in Tanzania per studiare la biodiversità tropicale

Due settimane in Tanzania per studiare la biodiversità tropicale

Summer School all’Udzungwa Ecological Monitoring Centre – 24 agosto-6 settembre

image

Forte dell’ottima riuscita delle edizioni condotte nel 2011 e 2012, torna dal 24 Agosto al 6 Settembre 2013 la Summer School in «Tropical Rainforest Biodiversity. Field and GIS tools for assessing, monitoring and mapping».
 
L’iniziativa, organizzata dal MUSE Museo delle scienze e dall’Università degli Studi di Trento in collaborazione con il Danish Museum of Natural History e con la Tanzania National Parks, avrà come base l’Udzungwa Ecological Monitoring Centre, una stazione di ricerca del Parco Nazionale dei Monti Udzungwa e coinvolgerà circa 20 tra studenti e dottorandi internazionali in discipline affini alla bologia, zoologia e conservazione della biodiversità, tra cui alcuni studiosi tanzaniani.
Obiettivo dell’iniziativa è un percorso formativo specialistico di livello universitario che verte sugli strumenti per valutare e mappare la biodiversità dei Monti Udzungwa, riconosciuti come uno degli hotspot di biodiversità del pianeta.
Nell’area il museo, unico in Italia ad avere una sede permanente distaccata in Africa, opera da anni e ha fondato e dirige il Centro per l’Educazione Ambientale e il Monitoraggio Ecologico.
 
Attraverso una combinazione tra escursioni all’interno della foresta, lezioni sulla biodiversità ed esercitazioni pratiche al computer il corso intende fornire le conoscenze e gli strumenti per stimare la biodiversità (con particolare attenzione ai mammiferi) presente nella foresta del Parco nazionale dei Monti Udzungwa.
Un’attenzione particolare sarà dedicata agli strumenti GIS – Geographic Information System – per integrare i dati da indagini sul  campo.
 
La scuola avrà sede presso il Centro dei Monti Udzungwa, all’interno del parco naturale. Nel corso dei 14 giorni di permanenza in loco gli studenti avranno la possibilità di ricevere un’introduzione alla biodiversità tropicale e all’importanza della sua conservazione, nonché di collaborare al rilevamento e all’inventariazione dei vertebrati della foresta, con particolare riferimento ai primati e altri terrestri mammiferi forestali.
Verranno affrontati anche gli effetti dell’azione antropica, e i partecipanti potranno apprendere l’utilizzo delle principali tecniche di rilevamento sul campo (transetti per censimenti e trappole foto-trappolaggio), oltre all’utilizzo del GPS e del GIS per l’analisi dei dati ambientali.
 
Il corso sarà condotto in loco con il supporto della Tanzania National Parks, per contribuire alla formazione pratica e creazione di figure professionali per studenti universitari e operatori dei parchi tanzaniani: 5-10 posti saranno riservati a partecipanti tanzaniani, che non sosterranno alcun costo di partecipazione.
 
Per ulteriori informazioni si invita a visitare questo sito.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni