Home | Arte e Cultura | Vita e Società | Gli italiani vogliono tornare nelle piazze dello shopping

Gli italiani vogliono tornare nelle piazze dello shopping

Dal secondo Rapporto Censis-Confimprese: rimbalzo dei consumi, la spesa delle famiglie supererà i 1.000 miliardi a fine anno

Dopo il +14,2% nel secondo trimestre del 2021, quest’anno i consumi aumenteranno di 60 miliardi di euro rispetto all’anno scorso.
Cresce la voglia di canali fisici del retail: il 65% degli italiani vuole tornare nelle piazze dello shopping.

 Il rimbalzo dei consumi 
Alla fine dell’anno la spesa per consumi delle famiglie sfonderà il muro dei 1.000 miliardi di euro.
Nel secondo trimestre del 2021 i consumi degli italiani si sono già ripresi del 14,2% rispetto allo stesso periodo del 2020 (33 miliardi in più), con una netta inversione di tendenza rispetto al -5,4% registrato nel primo trimestre dell’anno.
L’incremento a consuntivo d’anno ammonterà a 60 miliardi in più rispetto all’anno scorso, un tesoretto prezioso per rivitalizzare l’economia reale.
Complessivamente la pandemia ha bruciato dieci anni di crescita dei consumi.
Ma, se non ci saranno nuovi stop sanitari, a Natale si prevedono almeno 9 miliardi di spesa in più rispetto alle passate festività.
È quanto emerge dal 2° Rapporto Censis-Confimprese, l’associazione che raggruppa gli operatori del retail, con il contributo di Nhood, presentato oggi.
 
 Le tigri del consumo  
Sono 4,5 milioni gli italiani che, forti di redditi rimasti intatti e di risparmi forzosi dovuti all’impossibilità di poterli utilizzare durante la pandemia, ora sono pronti a spendere per i consumi più di quanto facessero nel periodo pre-Covid.
Usciti dall’emergenza, il 57,2% degli italiani tornerà a spostare soldi dal risparmio ai consumi, per andare oltre le scarsità imposte dal periodo recente.
Più la paura allenta la presa, più crescono le tigri del consumo.
 
 Il ritorno del retail  
Il rimbalzone dei consumi sarà favorito dalla stanchezza degli italiani, per troppo tempo costretti in casa e ormai saturi di una sovrabbondanza di interazioni digitali nelle loro vite.
Il 51,9% non sopporta più gli incontri da remoto per il lavoro, lo studio o le relazioni interpersonali.
Il 52,8% ritiene che il digitale sia eccessivamente presente nelle proprie vite e che ora c’è bisogno di un riequilibrio con il mondo fisico.
Il 65% (il 77,4% tra i giovani) vuole tornare a trascorrere tempo fuori casa per incontrare gli amici, mangiare insieme, divertirsi, fare shopping.
L’insofferenza per i divieti e la vita da remoto spingerà in alto il retail.
 
 Cresce la voglia di shopping nei canali fisici del commercio  
Il 64% degli italiani ha nostalgia degli acquisti nei negozi fisici, nei centri commerciali, nelle piazze dello shopping, anche riducendo il ricorso all’e-commerce.
Lo dicono di più le donne (67,6%) e le persone benestanti (69,8%).
La normalità per gli italiani è fatta anche di shopping fisico, da cui traggono emozioni e benessere.
 
 I nuovi driver degli acquisti  
Utilizzare ogni tipo di informazione disponibile per decidere cosa acquistare e dove farlo: ecco il potere rinforzato del consumatore con cui il retail dovrà misurarsi.
Il 64,9% degli utenti di internet cerca informazioni su aziende, prodotti e servizi.
Il 53,4% confronta i prezzi dei prodotti e servizi per valutare le diverse opzioni.
È questo l’importante contributo del digitale: i consumatori sono diventati più forti grazie ai flussi informativi facilmente accessibili a chiunque e ovunque per giudicare, scegliere, acquistare.
L’e-commerce è ormai una realtà consolidata: il 51,6% degli internauti (il 62,3% delle persone più istruite, il 64,6% dei 30-44enni) ha effettuato almeno un acquisto online nell’ultimo mese.
Dopo la pandemia ogni consumatore costruirà la sua spesa personale combinando canali fisici del retail e e-commerce.
 
 La stabilità del Governo Draghi 
«È un’Italia che ce la fa quella che il Censis fotografa dopo i diciannove mesi di pandemia che hanno messo a dura prova la tenuta del retail, – ha detto Mario Resca, presidente di Confimprese. – La stabilità del governo Draghi, la ripresa dell’economia italiana, che è tra quelle europee a più alta crescita, la voglia di normalità unita ai risparmi degli italiani sono il vero vaccino dell’Italia post Covid-19.
«Oggi qualche incognita potrebbe provocare temporanee frenate, come la scarsità di materie prime su scala globale, la mancanza di manodopera specializzata e l’inflazione.
«Per questo è necessario rassicurare gli italiani con politiche di welfare e incentivi volti a proteggere e promuovere il loro benessere economico e sociale.»

Questi sono i principali risultati del 2° Rapporto Censis-Confimprese, che è stato presentato oggi a Roma da Francesco Maietta, responsabile dell’Area Politiche sociali del Censis, e discusso da Francesco Montuolo, Executive Vice President di Confimprese, Ettore Papponetti, Head of Commerce & Leasing di Nhood Italy, e Massimiliano Valerii, Direttore Generale del Censis.
Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni