Home | Eventi | Internet, usare le potenzialità ma capirne i rischi/ 1

Internet, usare le potenzialità ma capirne i rischi/ 1

Safer Internet Day, oggi a Trento il convegno sulla sicurezza in rete dei minori

«Mano sul mouse e piedi per terra. E' più di un gioco, è la tua vita»

E' il messaggio che più di 40 realtà - tra istituzioni, società scientifiche, media, industrie ICT e di telefonia mobile, associazioni, università, tra cui la Provincia autonoma di Trento - diffondono tutte insieme, in occasione del Safer Internet Day 2011, la Giornata internazionale della sicurezza in rete dei minori, per promuovere un utilizzo sicuro e responsabile dei nuovi media tra i più giovani.

L'iniziativa rappresenta la prima azione comune del Comitato Consultivo del Centro Italiano per la Sicurezza in Rete, la cui costituzione è stata annunciata oggi a Trento, al convegno Safer Internet Day, nella Sala Belli del palazzo della Provincia, promosso dal Progetto speciale Coordinamento politiche familiari e di sostegno alla natalità.

Sui temi della «rete sicura» e del digital divide la Provincia autonoma di Trento si sta già muovendo da tempo e prossima è la firma di un accordo tra Provincia e Save the Children per la costituzione di un tavolo locale tra le realtà, enti e associazioni che in Trentino si occupano di tali temi.

E che la tutela dei minori di fronte ai rischi della rete rappresenti una frontiera educativa reale e non virtuale sulla quale occorre mobilitarsi, lo si è ribadito proprio al convegno di oggi, aperto da un intervento dell'assessore all'istruzione Marta Dalmaso.

Il convegno
Alle opportunità, e dunque non solo ai rischi, legati alle nuove tecnologie ha fatto riferimento l'assessore Dalmaso, spiegando che la Provincia sta dotando le scuole trentine dei nuovi strumenti informatici.
«Ma avere gli strumenti è una cosa, saperli usare correttamente, rapportandosi ad essi in maniera matura, cogliendone le opportunità e limitando i rischi, un'altra. Per questo è utile lavorare su questi temi. Vogliamo fornire alle famiglie ed alle scuole ausili aggiornati per insegnare loro come rapportarsi con bambini e ragazzi, aiutandoli a crescere con una realtà sempre più complessa e nella quale è difficile orientarsi».

Quando un bambino impara ad andare in bicicletta non ha una meta precisa e non sa evitare gli ostacoli, ma intanto pedala ed è felice di farlo.
La stessa cosa vale per internet e le nuove tecnologie della comunicazione.

Una recente indagine commerciale (AVG, gennaio 2011) svela come l'11 % dei bambini 2-5 anni sa allaciarsi le scarpe da solo, a fronte del 69 % che sa usare il mouse.
Da un'altra ricerca, questa volta trentina, sappiamo che il 5 % dei ragazzi 15-19 anni gioca d'azzardo online. Opportunità e rischi, appunto.

Di fronte ai quali - ne ha parlato il dirigente del Progetto speciale coordinamento politiche familiari, Luciano Malfer - la Provincia vuole attrezzarsi (l'1 ottobre 2010 è stato approvato il documento di indirizzi «La famiglia e le nuove tecnologie») per accompagnare la cablatura dell'intero territorio provinciale con la crescita e maturazione di una nuova cittadinanza, quella digitale.
Molti, in quest'ottica, gli aspetti affrontati dal convegno.

La psicologa e psicoterapeuta Serena Valorzi ha parlato di videogiochi, gioco d'azzardo e violenza digitale e del confine tra divertimento, abuso e dipendenza: «L'evidente e sorprendente capacità nell'utilizzo dei mezzi tecnologici dei nostri ragazzi si accompagnano spesso a difficoltà relazionali ed a gestire le proprie emozioni.
I videogiochi sono da loro vissuti quasi come pillole di sollievo o di eccitazione solitaria, il gioco d'azzardo online apre le porte alla dipendenza, i contenuti culturali violenti confluiscono nel cyber-bullismo e slabbrano il concetto di legalità».

Che devono fare i genitori? «Non lasciarli soli, fornire loro filtri interpretativi, armarsi di cuore e conoscenze che permettano di accompagnarli in questo nuovo mondo di cyber-balocchi».

Una sviluppata esperienza sull'argomento viene riconosciuta a Save the Children. L'associazione, tra l'altro, firma la bella guida per i genitori «Educazione e nuovi Media» diventata un numero della collana «Trentino Famiglia».

«Ai bambini e ragazzi - ha affermato Mauro Cristoforetti, lodando quanto si sta facendo in Trentino - dobbiamo fornire strumenti emotivi, tecnici e valoriali».

La guida espone varie situazioni tipo («papà mi compri il cellulare?», «una foto compromettente», «e tu quanti contatti hai?», «anch'io ho il diritto di navigare»...), accompagnandole con una chiave interpretativa e da «piste educative» utili ai genitori.
Suggerimenti che valgono come contromisure, un approccio condiviso anche da Paolo Gasperi, consulente di informatica giuridica, che invita le famiglie a «spostare l'asse dalla parte tecnologica alle contromisure da prendere quando interviene un problema».

«E proprio dalle famiglie - come ha detto Massimo Zanoni, presidente assieme alla moglie Alberta dell'associazione Famiglie Insieme - arriva una richiesta di formazione all'uso delle nuove tecnologie non limitata agli aspetti tecnici ed a misura della singola famiglia. Spesso le famiglie si sentono impotenti e sole nell'approcciarsi a questi temi».

Da un'altra realtà, l'Associazione provinciale per i minori, arriva un'interessante e certo proficua indicazione di come si possano sviluppare percorsi educativi e di sensibilizzazione dei ragazzi in collaborazione con le scuole parlando di internet, social network, telefonia mobile, tutti mezzi che ormai sono diventati un prolunghamento della vita sociale dei giovani e che spesso, se assolutizzati, rischiano di condurre ad una percezione distorta della realtà.

La prossima settimana, ad esempio - ha spiegato Nicoletta Tomasi, coordinatrice progetti e innovazione dell'Appm - partirà nelle classi seconde dell'Istituto comprensivo paritario Gardascuola di Arco il progetto «Supermedia».

Rivolto agli adulti è invece il progetto «Stupefacenti tecnologie» in collaborazione con i Comuni di Levico, Calceranica, Caldonazzo e Tenna focalizzato sulle dipendenze, mentre altri progetti coinvolgono gli Istituti «Eccher Dall'Eco» di Mezzolombardo (cyberbullismo) e l'Istituto «A. Manzoni» di Trento.

Altri interessanti contributi hanno offerto, al convegno di oggi, il dirigente dell'Istituto Artigianelli Erik Gadotti, l'esperto di progetti e comunicazione legati alla didattica Paolo Holneider, la sociologa Viola Durini, infine Mario Bolzani e Ingrid Monaco dell'associazione Giano Family, che ha attivato un servizio gratuito di «sicurezza informatica preventiva» destinato a famiglie, minori, genitori ed anziani della provincia di Padova e che verrà fatto proprio dal Progetto speciale coordinamento politiche familiari attraverso il nuovo blog (annunciato oggi) di Family in Trentino.

Il Comitato consultivo nazionale

L'organismo si propone di diventare un punto di riferimento sul tema a livello nazionale.
Nei prossimi mesi il Comitato lavorerà per elaborare un'agenda che indichi le priorità d'azione e una serie di misure di intervento diretto per la tutela dei minori in ambito nuovi media.
La partecipazione della Provincia autonoma di Trento a tale organismo si inserisce all'interno di un complesso di iniziative che la stessa Provincia sta realizzando per fornire alle famiglie trentine strumenti per porre rimedio al «digital divide generazionale», con la consapevolezza che la tecnologia informatica divide le generazioni e ne accresce la distanza nella misura in cui gli adulti, soprattutto i genitori, a causa del proprio analfabetismo informatico, sono estranei ai linguaggi informatici, alle potenzialità e ai rischi connessi al mondo virtuale.
Il Comitato Consultivo si inserisce nelle attività del Centro Italiano per la Sicurezza in Rete, coordinato da Save the Children e Adiconsum, nell'ambito del Programma Safer Internet della Commissione Europea.
Per saperne di più: http://test.sicurinrete.it/

Il tavolo di lavoro locale

Uno degli ambiti d'intervento previsti nel Libro Bianco sulle politiche familiari adottato dalla Provincia autonoma di Trento nel 2009 riguarda il tema del digital divide generazionale, sul quale sta lavorando a livello locale un tavolo, appositamente costituito in collaborazione con Save the Children, la più grande organizzazione internazionale indipendente che lavora per migliorare la vita dei bambini nel mondo e che in Italia, uno dei 120 paesi nei quali è presente, gestisce il Centro italiano per la sicurezza in Internet.
Obiettivo dell'accordo di collaborazione tra la Provincia e StC, che l'assessore alle politiche sociali ugo Rossi firmerà a breve, è quello di coinvolgere i soggetti del territorio che si occupano di questo tema, creando una rete dove condividere le buone pratiche già sviluppate in questo campo, offrendo, con un progetto d'intervento specifico, a scuole e famiglie l'opportunità di avere un supporto significativo nel loro ruolo educativo.

Queste le organizzazioni e gli enti partecipanti al tavolo

Progetto Speciale Coordinamento Politiche Familiari
Format
Forum delle Associazioni delle Famiglie
Polizia Postale
Rete oratori
Università di Trento Facoltà Di Sociologia
Fondazione Bruno Kessler
Associazione Provinciale Per I Minori
Associazione Villa S. Ignazio
Associazione Amaranta
Cooperativa kaleidoscopio
Alcuni istituti comprensivi

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande