Home | Eventi | Sabato 27 e domenica 28 Grumes festeggia «Cittaslow Sunday»

Sabato 27 e domenica 28 Grumes festeggia «Cittaslow Sunday»

Cittaslow è la «Rete internazionale delle città del buon vivere», associazione di Comuni sparsi in ogni continente

image

>
La domenica delle Cittaslow, proclamata per l’ultima domenica di settembre, vede coinvolte oltre 200 cittadine e località che fanno parte di Cittaslow.
Cittaslow, «Rete internazionale delle città del buon vivere», è un’associazione di Comuni sparsi in ogni continente (quelli italiani sono una settantina) che hanno fatto dello sviluppo sostenibile il loro mantra, la filosofia che ispira l’operare amministrativo e politico per la costruzione di uno stile di vita «buono, pulito e giusto» ispirato da Slow Food, socio fondatore di Cittaslow assieme ai Comuni di Greve in Chianti, Bra, Orvieto e Positano.
Se nei tre aggettivi «buono, pulito e giusto» Slow Food sintetizza le caratteristiche a cui si devono ispirare le produzioni agricole, Cittaslow si propone di estenderne la valenza alle amministrazioni delle piccole città, dei paesi e dei borghi che costellano l’Italia, l’Europa e il mondo intero.
«Buona» diviene l’attività amministrativa per la qualità della vita dei cittadini, dei servizi, delle strutture; in un contesto ambientale «pulito» e rispettoso del paesaggio, delle tradizioni e delle risorse locali; secondo un modello «giusto» nell’organizzare le comunità su principi di solidarietà, convivenza, rispetto delle regole, inclusione.
 
Grumes è la più piccola in assoluto del gruppo e fa parte di Cittaslow dal novembre 2011, ammessa secondo protocollo dal Comitato scientifico grazie alle iniziative messe in atto nell’ultimo decennio e ispirate allo sviluppo sostenibile «tout court».
L’essere socia di Cittaslow implica coerenza amministrativa ai principi dell’associazione.
Per contro ne deriva positività di immagine, stimoli al radicamento dei principi, scambi di buone pratiche, forza e supporto nelle relazioni fra le città e gli organismi nazionali ed internazionali.
Domenica 28 settembre si festeggerà in tutto il mondo la giornata internazionale delle Cittaslow: «Cittaslow Sunday.»

Grumes aderisce per il secondo anno all’iniziativa con un programma di due giorni focalizzato sull’essere paese agricolo di montagna:
 SABATO 27 SETTEMBRE
- Ore 15.00: Partenza dalla piazza di Grumes - rientro previsto per le 18.00
LE RADICI DEL LAVORO - IL MESTIERE DEL FABBRO
Visita guidata alla Fucina Cristofori alla «tana» sul sentiero dei vecchi mestieri.
Apertura e messa in funzione.
- Ore 20.30 al Teatro «Le fontanelle».
«IL VENTO FA IL SUO GIRO» Film di Giorgio Diritti.
«Le cose sono come il vento, prima o poi ritornano.»
 
 DOMENICA 28 SETTEMBRE
- Dalle 09.00 in piazza Municipio
IIª fiera mercato di Grumesslow: i prodotti della nostra terra e delle nostre mani di oggi e di ieri.
Sala Le Are: apertura straordinaria della mostra «Le nostre radici - Vivere di campagna».
- Dalle 12.00 in piazza Municipio.
A tavola insieme: il piatto di ieri... «Polenta conciada» per tutti.
Intrattenimento musicale del coro «Gh’era na volta» di Grumes.
- Dalle 15.00
Giochi e laboratori per bambini.
Il giro dei masi in bici: con le biciclette elettriche.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande