Home | Eventi | Il 15 agosto «Quattro passi fra vecchi mestieri e usanze»

Il 15 agosto «Quattro passi fra vecchi mestieri e usanze»

A Ferragosto la Val Rendena si tuffa nel passato grazie alla 32esima edizione di «Vecchia Rendena… come eravamo»

image

>
Rivivere il passato, dare senso al presente, credere nel futuro.
Questi gli elementi con cui, da 32 edizioni, a Bocenago si rinnova l’appuntamento con «Vecchia Rendena… come eravamo… quattro passi fra vecchi mestieri e usanze».
Un evento che, mercoledì 15 agosto, dalle 15:00 alle 19:00 riporterà il paese agli inizi del Novecento.
Nessuna insegna luminosa, niente macchine e nessun cartello stradale.
A scandire la giornata ci saranno solo il rumore degli attrezzi, il vociare dei passanti e il brusio delle genti di montagna al lavoro.
Una giornata di festa in occasione della Sagra paesana allietata dal canto delle lavandaie, il suono della «racola» e le note della banda.
 

 
Un vero e proprio tuffo nel passato - organizzato dal Comitato Vecchia Rendena, dalla Pro Loco Bocenago e dal Comune - che vedrà la presenza di circa 200 figuranti impegnati in una sessantina di vecchi mestieri.
Arrotini, lavandaie, carbonai e ancora casari, cacciatori e portatrici d’assi per valorizzare la cultura agro-silvo-pastorale alpina.
Ben 270 i volontari al lavoro per quella che, a tutti gli effetti, come la definisce il primo cittadino, Walter Ferrazza è la «Festa dell’etnografia trentina».
 

 
«Non possiamo che essere orgogliosi di questa manifestazione – sottolinea il sindaco – perché siamo convinti che conoscere e rispettare il passato sia fondamentale per poter crescere e credere nel futuro».
La formula ormai è consolidata e la macchina ben oliata.
«La cosa che ci fa molto piacere – aggiunge Ferrazza – è che ogni anno sono moltissimi quelli che, sentendosi parte integrante di Bocenago, ci chiamano per partecipare ed indossare i vestiti dell’epoca.»
 

 
Non solo però una rievocazione di antichi mestieri, la proposta è infatti una singolare esperienza multisensoriale che spazia tra il profumo di fieno e legno all’aroma di caffè.
Permette di «toccare con mano» i vecchi strumenti di lavoro e di degustare i piatti e i prodotti tipici: dalla polenta alla strinadina, passando per il patugol, la Spressa e i canedarli.
Un connubio vincente che, indipendentemente dal meteo, porta in paese migliaia di persone.
 

 
In calendario un ricco ventaglio di appuntamenti.
«Anche quest’anno riproporremo il kaiserjäger – prosegue il sindaco – che sparerà con il cannone e daremo più spazio agli animali della fattoria».
Non mancheranno poi la sfilata della Banda comunale di Caderzone Terme, alle 16, i balli con il Gruppo asburgico, alle 16:30, e dalle 17 la manovra dei Vigili del Fuoco con una vecchia pompa a mano e i secchi in tela.
 

 
Infine, ad accompagnare tutti verso la chiusura – oltre al «Laboratorio del burro» e lo speciale «Annullo filatelico» – saranno il Concerto di campane, alle 18, e la Santa Messa con processione, alle 20.
Anche per questa edizione gli organizzatori hanno previsto la presenza di bus navetta che collegheranno il paese ai parcheggi disposti a fondo valle.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone