Home | Eventi | Capodanno Cinese: a Trento la danza del Drago e del Leone

Capodanno Cinese: a Trento la danza del Drago e del Leone

La festività si svolgerà in Piazza Dante fino al 20 febbraio con il patrocinio del Comune di Trento e del Servizio Attività Culturali della Provincia Autonoma di Trento

image

>
La Cina è un paese con una storia lunga oltre 5.000 anni.
Nel corso dei secoli e nelle diverse provincie si sono sviluppate numerose tradizioni, feste e rituali, spesso legate allo sviluppo dell’astronomia e hanno a che fare con la matematica, con il calendario e con l’agricoltura.
Una delle più importanti festività della tradizione cinese è il Capodanno Cinese, conosciuto in Cina anche come Festa di Primavera o capodanno lunare.
La data sul calendario gregoriano è diversa di anno in anno, ma è sempre compresa tra il 21 gennaio e il 20 febbraio.
I festeggiamenti durano quindici giorni, sino alla festa delle Lanterne e ogni nuovo anno, secondo l’oroscopo cinese, prende nome da un animale in un ciclo di 12 che segue l’ordine in cui i 12 animali si sono presentati davanti al Buddha: il topo, il bue, la tigre, il coniglio, il drago, il serpente, il cavallo, la capra, la scimmia, il gallo, il cane e il maiale.
 
In Cina il Capodanno si festeggia con fuochi d'artificio, che tengono lontani gli spiriti maligni con il rumore, e le lanterne rosse, maschere, danze e naturalmente cenone e scambio di doni.
Nel 2019 è caduto martedì 5 febbraio, giorno in cui, secondo il loro calendario zodiacale, ha inizio l’anno del Maiale e i festeggiamenti proseguiranno sino al 20 febbraio.
La Danza del Drago e del Leone viene realizzata dove ci sono comunità cinesi, in tutto il mondo, e affonda le radici nella più antica cultura orientale.
La leggenda identifica il Leone originariamente come animale salvatore di villaggi infestati da mostri e di grandi disgrazie, poi come sinonimo di abbondanza, benessere, fortuna e prosperità, mentre il Drago, l’animale più sacro, era l’emblema stesso dell’Imperatore, emanazione divina e simbolo di forza e benevolenza.
 
La sua leggenda nasce 5.000 anni fa, insieme alla cultura stessa del popolo cinese ed era è già molto popolare durante la Dinastia Sung (960-1279 A.C.) e si è mantenuta viva fino ad oggi.
La maschera ed il corpo del Drago possono essere di vari colori: dorato, verde, rosso fiammeggiante o di colori differenti ed è paragonato all’onda del mare, fedele e naturale rappresentazione di un Drago celeste.
Il Leone e il Drago, sono ancora oggi animali-simbolo della Cina.
A Trento l’evento nell’ambito del progetto Orizzonti d’Oriente, bando Reti culturali della Fondazione Caritro, è organizzato per la prima volta con il patrocinio del Comune di Trento e il supporto del Servizio Attività Culturali della Provincia Autonoma di Trento e si svolgerà in Piazza Dante il 15 Febbraio alle ore 15.30 con la famosa e coloratissima danza del Drago e del Leone con la partecipazione dei partner del progetto.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone