Home | Eventi | Feste Vigiliane | Feste Vigiliane, lunedì 25 giugno, dalle ore 21.30

Feste Vigiliane, lunedì 25 giugno, dalle ore 21.30

Un lunedì sera tra cinema e approfondimenti in chiave musicale, arricchiti dai colori e dalla magia dell’India

Trovare un significato musicale all’espressione «dialogo interculturale» è quello che si propone di fare lunedì 25 giugno «Credo» (alle ore 21.30 in Piazza Duomo), oratorio interreligioso su testi scritti e scelti da José Tolentino Mendonça, che utilizza musiche dell’Orchestra di Piazza Vittorio, di Gioacchino Rossini, di Benjamin Britten, di Guillame de Machaut, ma anche canti sufi e canti religiosi elaborati, il più delle volte riscritti completamente.
Da strumenti particolari come la «kora», un’arpa-liuto diffusa in buona parte dell’Africa occidentale, o l’«oud», strumento arabo della famiglia dei liuti, accanto a «voci» più familiari come il violoncello, il basso elettrico, o l’organo, scaturisce una preghiera confidenziale, non rituale, dove testo e musica si fondono con estrema libertà di stile.
 
Spostandosi in Piazza Fiera, lunedì l’appuntamento è con i colori, la magia e la gioia di vivere tipiche dell’India.
Alle ore 21.30 salirà sul palco la Bollywood Masala Orchestra con lo spettacolo musicale «Spirit of India».
Un ensemble di quindici artisti, tra musicisti, ballerini, acrobati e cantanti che uniscono in uno spettacolo trascinante esibizioni dedicate alla musica spirituale classica indiana, le canzoni dei più celebri film di Bollywood e brani di musica contemporanea. (In caso di pioggia l’esibizione si trasferirà all’Auditorium S. Chiara, via S. Croce 67).
 
Nella cornice di Piazza Battisti/Teatro Sociale, invece, ci sarà il secondo e ultimo appuntamento con il «Progetto CinemAMoRe.
Nella serata di lunedì – inizio ore 21.30 - verranno proiettate quattro pellicole: «Il macellaio» (17 min) sulle divertenti avventure di un ebreo che cerca lavoro in una macelleria musulmana; «La scelta di Quintino» (19 min) sulla vita da eremita di un ex partigiano di 93 anni nel suo maso in Val di Fiemme; «Memorie di Pietra: l’arte al Tempo dei Dinosauri?» (52 min), che presenta una delle più lunghe «gallerie d’arte» rupestre al mondo, nel territorio degli indiani Hopi, come possibile prova della coesistenza di uomini e dinosauri.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni