Home | Eventi | Educa 2019 | EDUCA: «Bisogna insegnare emozionando»

EDUCA: «Bisogna insegnare emozionando»

A Rovereto l’incontro promosso da Iprase sulle «Relazioni a scuola»

«Un buon insegnante non si dimentica mai, ma a fare la differenza non sono solo le sue capacità personali quanto l’efficacia collettiva del gruppo di docenti.»
A spiegarlo è Luciano Covi, direttore di Iprase, l’Istituto provinciale per la ricerca e la sperimentazione, nell’introdurre l’appuntamento di stamane, nell’Aula Magna del Palazzo Istruzione a Rovereto, all’interno del Festival Educa.
E se lavorare in team è fondamentale, lo è ancor di più riuscire a creare relazioni, connessioni, entusiasmo, benessere, motivazione, in una frase «Bisogna insegnare emozionando», come hanno chiarito i relatori della mattinata di lavori, Gianluca Argentin sociologo presso l’Università Bicocca di Milano, e Mario Polito, psicologo, psicoterapeuta e pedagogista.

«Sono diverse le ricerche fatte per misurare il benessere a scuola – ha esordito Luciano Covi – ad esempio l’indagine Pisa fatta sui ragazzi di 15 anni rileva non solo l’apprendimento, ma anche il benessere a scuola.
«In questo senso la dimensione delle relazioni è fondamentale; una seconda variabile è rappresentata dall’assenteismo: troviamo ad esempio che un ragazzo su due, a livello italiano, è stato assente almeno una giornata nei 15 giorni prima della rilevazione.
«Sono sollecitazioni che pongono dunque al centro l’importanza delle relazioni in ambito scolastico.»
 
A presentare i primi risultati di un progetto nato in America e poi applicato in ambito italiano è stato Gianluca Argentin.
«L’idea è stata quella di costruire un piccolo libro e una piattaforma per accrescere le capacità relazionali degli insegnanti e favorire l’apprendimento a scuola», – ovvero per vedere se tra le due variabili esiste un nesso.
Nel libro vi sono macro e micro suggerimenti per migliorare la collaborazione con i colleghi e la classe, per focalizzare l’attenzione degli studenti, per gestire gli elementi disturbanti, per aumentare la collaborazione con i genitori.
La sperimentazione è stata rivolta agli insegnanti delle scuole medie di 11 regioni e sono state invitate 619 scuole.
 
L’anno successivo si sono misurati gli effetti di questa sperimentazione e si è potuto appurare che, nei test Invalsi, dove le indicazioni della pubblicazione sono state applicate.
«Gli studenti sono più motivati, hanno una percezione migliore di se stessi e in matematica e italiano hanno risultati migliori, – ha spiegato Argentin. – Quindi la chiave è relazionale.»
Il metodo, grazie a Iprase, è in via di sperimentazione anche in Trentino, dove sono stati coinvolti 204 insegnanti neo assunti.
 

 
Mario Polito ha quindi presentato i seminari formativi che aiutano a creare un clima sereno in classe.
«L’obiettivo è costituire una comunità di apprendimento, perché l’apprendimento individuale da solo non basta. In classe è strutturale il gruppo, ma va costruito.
«E benessere e apprendimento sono i nostri obiettivi perché le ricerche dicono che se le persone stanno bene, allora imparano anche bene.»
Fondamentale è poi l’alleanza fra scuola e famiglia, anche se «il livello di coinvolgimento dei genitori nelle scuole è minore mano a mano che aumenta l’età, se nella scuola d’infanzia supera il 90%, nelle primarie è all’80%, mentre nelle scuole secondarie siamo al 50%, infine alle superiori i genitori sono coinvolti solo al 25%», – ha commentato Polito.
 
Quindi Polito ha presentato alcune indagini centrate sulle emozioni.
«A un campione di oltre 800 genitori si è chiesto come stanno i figli quando tornano a casa, anche qui i livelli peggiori si registrano nelle scuole superiori mentre le emozioni positive si concentrano nella scuola primaria. – Interessante poi il dato sulle emozioni dei docenti: – Ciò che preoccupa maggiormente i docenti è la maleducazione degli studenti.»
Anche un’indagine su un campione di oltre 7.000 studenti ci conferma che con l’aumentare della scolarità diminuiscono le emozioni positive.
«Bisogna insegnare emozionando e cercando di motivare i nostro studenti, – sono state le parole di Polito che ha voluto concludere con una citazione di Paulo Freire. – L’educazione non cambia il mondo, ma cambia coloro che devono cambiare il mondo.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni