Home | Eventi | Educa 2019 | EDUCA: «Bisogna insegnare emozionando»

EDUCA: «Bisogna insegnare emozionando»

A Rovereto l’incontro promosso da Iprase sulle «Relazioni a scuola»

«Un buon insegnante non si dimentica mai, ma a fare la differenza non sono solo le sue capacità personali quanto l’efficacia collettiva del gruppo di docenti.»
A spiegarlo è Luciano Covi, direttore di Iprase, l’Istituto provinciale per la ricerca e la sperimentazione, nell’introdurre l’appuntamento di stamane, nell’Aula Magna del Palazzo Istruzione a Rovereto, all’interno del Festival Educa.
E se lavorare in team è fondamentale, lo è ancor di più riuscire a creare relazioni, connessioni, entusiasmo, benessere, motivazione, in una frase «Bisogna insegnare emozionando», come hanno chiarito i relatori della mattinata di lavori, Gianluca Argentin sociologo presso l’Università Bicocca di Milano, e Mario Polito, psicologo, psicoterapeuta e pedagogista.

«Sono diverse le ricerche fatte per misurare il benessere a scuola – ha esordito Luciano Covi – ad esempio l’indagine Pisa fatta sui ragazzi di 15 anni rileva non solo l’apprendimento, ma anche il benessere a scuola.
«In questo senso la dimensione delle relazioni è fondamentale; una seconda variabile è rappresentata dall’assenteismo: troviamo ad esempio che un ragazzo su due, a livello italiano, è stato assente almeno una giornata nei 15 giorni prima della rilevazione.
«Sono sollecitazioni che pongono dunque al centro l’importanza delle relazioni in ambito scolastico.»
 
A presentare i primi risultati di un progetto nato in America e poi applicato in ambito italiano è stato Gianluca Argentin.
«L’idea è stata quella di costruire un piccolo libro e una piattaforma per accrescere le capacità relazionali degli insegnanti e favorire l’apprendimento a scuola», – ovvero per vedere se tra le due variabili esiste un nesso.
Nel libro vi sono macro e micro suggerimenti per migliorare la collaborazione con i colleghi e la classe, per focalizzare l’attenzione degli studenti, per gestire gli elementi disturbanti, per aumentare la collaborazione con i genitori.
La sperimentazione è stata rivolta agli insegnanti delle scuole medie di 11 regioni e sono state invitate 619 scuole.
 
L’anno successivo si sono misurati gli effetti di questa sperimentazione e si è potuto appurare che, nei test Invalsi, dove le indicazioni della pubblicazione sono state applicate.
«Gli studenti sono più motivati, hanno una percezione migliore di se stessi e in matematica e italiano hanno risultati migliori, – ha spiegato Argentin. – Quindi la chiave è relazionale.»
Il metodo, grazie a Iprase, è in via di sperimentazione anche in Trentino, dove sono stati coinvolti 204 insegnanti neo assunti.
 

 
Mario Polito ha quindi presentato i seminari formativi che aiutano a creare un clima sereno in classe.
«L’obiettivo è costituire una comunità di apprendimento, perché l’apprendimento individuale da solo non basta. In classe è strutturale il gruppo, ma va costruito.
«E benessere e apprendimento sono i nostri obiettivi perché le ricerche dicono che se le persone stanno bene, allora imparano anche bene.»
Fondamentale è poi l’alleanza fra scuola e famiglia, anche se «il livello di coinvolgimento dei genitori nelle scuole è minore mano a mano che aumenta l’età, se nella scuola d’infanzia supera il 90%, nelle primarie è all’80%, mentre nelle scuole secondarie siamo al 50%, infine alle superiori i genitori sono coinvolti solo al 25%», – ha commentato Polito.
 
Quindi Polito ha presentato alcune indagini centrate sulle emozioni.
«A un campione di oltre 800 genitori si è chiesto come stanno i figli quando tornano a casa, anche qui i livelli peggiori si registrano nelle scuole superiori mentre le emozioni positive si concentrano nella scuola primaria. – Interessante poi il dato sulle emozioni dei docenti: – Ciò che preoccupa maggiormente i docenti è la maleducazione degli studenti.»
Anche un’indagine su un campione di oltre 7.000 studenti ci conferma che con l’aumentare della scolarità diminuiscono le emozioni positive.
«Bisogna insegnare emozionando e cercando di motivare i nostro studenti, – sono state le parole di Polito che ha voluto concludere con una citazione di Paulo Freire. – L’educazione non cambia il mondo, ma cambia coloro che devono cambiare il mondo.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone